Pesci Corallini a Rischio nel Sud Est Asiatico

Lo denuncia il rapporto “Fishing for Solutions: Can the Live Trade in Wild Groupers and Wrasses from Southeast Asia be Managed?” del TRAFFIC, organismo congiunto del WWF e dello IUCN, World Conservation Union. I ristoranti di Hong Kong, Cina, Singapore e Kuala Lumpur servono agli avventori una quantità di pesci corallini tale da mettere in pericolo la loro stessa possibilità di sopravvivenza. I pesci sono tenuti vivi in acquario e preparati a richiesta: sono soprattutto cernie e labridi che, stando al rapporto TRAFFIC, sarebbero in rapido declino soprattutto sui reef indonesiani, filippini e malesi. Il rapporto denuncia ancora l’utilizzo del cianuro per catturare le prede: “Il veleno consente di catturare facilmente i pesci, che poi lo eliminano nel trasporto al mercato; il suo effetto sul reef pero’ è pesantissimo” dichiara Chen Hin Keong, direttore di Traffic Southeast Asia. Le esportazioni di pesce dal Sudest asiatico sono salite dalle 400 tonnellate nel 1989 a oltre 5.000 tonnellate nel 1995 per poi declinare del 22% l’anno successivo, un trend comune a tutti i paesi della ragione come conseguenza del sovrasfruttamento delle risorse.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.