Pesci Corallini a Rischio nel Sud Est Asiatico

Lo denuncia il rapporto “Fishing for Solutions: Can the Live Trade in Wild Groupers and Wrasses from Southeast Asia be Managed?” del TRAFFIC, organismo congiunto del WWF e dello IUCN, World Conservation Union. I ristoranti di Hong Kong, Cina, Singapore e Kuala Lumpur servono agli avventori una quantità di pesci corallini tale da mettere in pericolo la loro stessa possibilità di sopravvivenza. I pesci sono tenuti vivi in acquario e preparati a richiesta: sono soprattutto cernie e labridi che, stando al rapporto TRAFFIC, sarebbero in rapido declino soprattutto sui reef indonesiani, filippini e malesi. Il rapporto denuncia ancora l’utilizzo del cianuro per catturare le prede: “Il veleno consente di catturare facilmente i pesci, che poi lo eliminano nel trasporto al mercato; il suo effetto sul reef pero’ è pesantissimo” dichiara Chen Hin Keong, direttore di Traffic Southeast Asia. Le esportazioni di pesce dal Sudest asiatico sono salite dalle 400 tonnellate nel 1989 a oltre 5.000 tonnellate nel 1995 per poi declinare del 22% l’anno successivo, un trend comune a tutti i paesi della ragione come conseguenza del sovrasfruttamento delle risorse.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.