Peter Blake: l’Uomo dai Calzini Rossi

Dopo aver appreso della tragico evento nel quale ha trovato la morte il grande navigatore neozelandese Peter Blake, vogliamo ripercorrere con i nostri lettori le tappe più importanti della sua gloriosa carriera. Sul numero di Nautica di febbraio avevamo pubblicato la classifica dei grandi sportivi che si sono maggiormente distinti nella storia della vela, Blake era al terzo posto, dopo Conner ed Elvstrom. Ma vediamo insieme quali sono stati i momenti più importanti della carriera del navigatore dai calzini rossi. Ha promesso di non tornare sulla linea di partenza della Whitbread Round The World Race. Ma troppe volte è andato vicino alla vittoria per mantenere l’impegno. Cosi’ al IV giro del mondo, che parte nell’89, scende in campo con uno fra gli scafi favoriti: Steinlager. E vince tutte le tappe, stabilendo un record assoluto. 150 imbarcazioni lo scortano all’arrivo a Portsmouth dove lo attendono migliaia di persone. “E’ la vittoria che ho sognato tutta la vita dalla prima volta che ho corso la regata” – dichiara all’arrivo – “allora ero un membro dell’equipaggio, ho dovuto scalare tutti i gradini per arrivare fin qui”. E’ dalla circumnavigazione di Conor O’Brian del ’24 che si vagheggia di una regata intorno al mondo. Nel ’67 il Sunday Times offre un premio al primo circumnavigatore senza scalo, ma non siamo ancora alla regata, perche’ i concorrenti non partono dallo stesso luogo nello stesso tempo. Poi la Royal Naval Sailing Association trova la disponibilità della fabbrica di birra Whitbread a sponsorizzare la regata. Alla partenza si presentano 17 scafi, di cui i più accreditati per la vittoria sono Pen Duick VI di Tabarly e Great Britain II di Clay Blyth. Tra i vari partecipanti c’e’ anche il neozelandese Peter Blake. Il 29 agosto del 1981, alle ore 12.00, un colpo di cannone dà il via ai 28 concorrenti della terza edizione. Blake si presenta al via al timone di Ceramco New Zealand, un 68 piedi disegnato da Bruce Farr. E’ subito secondo, ma il 21 sep tembre una volante cede provocando il disalberamento. Sembra un destino orrendo, cui Blake si ribella. Con mezzi di fortuna cerca di tenere in piedi la parte restante dell’albero, lascia ad ovest la zona delle alte pressioni e far rotta su Città del Capo spinto dai venti occidentali. Giunge a destinazione con soli dieci giorni di ritardo sulla tabella di marcia, a dimostrazione delle sue qualità di skipper. Nonostante tutto vince due tappe. Finalmente, con Stainlager, arriva la vittoria. Ma forse, più ancora del passaggio del traguardo, il momento più entusiasmante è quello della tappa che fa scalo ad Auckland, casa sua. Blake è atteso da migliaia di barche con sopra stipate circa 40.000 persone, uno stadio galleggiante. Una folla di 200.000 persone è assiepata a terra; metà della popolazione segue l’evento alla televisione che inizia le trasmissioni in diretta, a partire dalle cinque del mattino, e le conclude oltre dodici ore dopo. Per Blake è l’apoteosi. Nessuno al mondo tranne forse Chichester ha ricevuto tanti onori. Forte dell’investitura popolare, l’anno dopo è il team manager della sfida neozelandese all’America’s Cup. Dopo un serratissimo scontro col Moro di Venezia di Raul Gardini, perde le finali dello sfidante. Gli Australiani hanno impiegato tre edizioni consecutive prima di vincere, nell’83. I neozelandesi hanno iniziato nell’87, con Plastic Fantastic, l’unico 12 metri Stazza Internazionale di plastica. Ormai è solo questione di tempo e l’esperienza delle sfide precedenti conducono al trionfo del ’95. Blake è nominato baronetto e i suoi calzini rossi portafortuna diventano il simbolo di un’intera nazione. Nel 2000 Blake è il primo non americano a difendere vittoriosamente la Coppa che, purtroppo per noi, resta saldamente nel golfo di Hauraki e a difenderla non ci sarà più Peter Blake, l’uomo dai calzini rossi.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.