Prima Tappa Circuito Italiano Mumm 30

VITTORIA PER CHEYENNE DEL RAVENNATE FEDERICO STROCCHI UKA UKA DEL MARCHIGIANO SANTINI CHIUDE IN OTTAVA POSIZIONE Rimini, 1 Aprile 2007 Si è conclusa oggi a Rimini la tappa del Circuito Italiano classe Mumm 30, la prima delle tre in programma da qui sino a fine maggio che precedono il Campionato del Mondo, quest’anno assegnato allo Yacht Club Costa Smeralda di Porto Cervo. Nove le prove in programma e nonostante le condizioni del vento molto leggere nella giornata odierna è stato possibile portarle a termine tutte. Vittoria finale del ravennate Federico Strocchi al timone del suo Cheyenne (tattico Matteo Ivaldi) che nella giornata conclusiva è riuscito a sopravanzare Mummy One di Mingozzi (tattico lo sloveno Branco Brcin) in testa nelle prime due giornate. Settima prova. Vento 5/6 nodi in calo. Il Comitato di regata è costretto a ridurre il percorso al termine della seconda bolina. Vittoria per Cheyenne di Strocchi davanti a Thule di Fausto Rubbini (tattico Nicola Celon) e Uka Uka dell’armatore marchigiano Lorenzo Santini, portacolori del Club Vela Portocivitanova, con al timone Alessio Marinelli e alla tattica il Campione di Laveno, Tiziano Nava. Uka Uka è supportato da Ares Italia, una delle principali aziende del sep tore dell’illuminotecnica per esterni nella fascia media del mercato con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ottava prova. Vento di 5/6 nodi, costante per tutta la durata della regata. Percorso: due boline e due poppe (lunghezza per lato 0,8 miglia). Ad avere la meglio sulla flotta dei 15 partecipanti nuovamente Cheyenne di Strocchi che in questa occasione ha preceduto nell’ordine Thule e Matrix di Luigi Melegari (tattico Pietro D’Alì). Le cose non sono andate molto bene per Uka Uka di Lorenzo Santini che avendo creduto nel lato destro del percorso è incappato in un salto di vento da sinistra ed ha girato la prima boa di bolina in sep tima posizione. Posizione che ha mantenuto sino a metà del secondo lato di poppa dove è stato sorpassato da Spirit of Simone di Jacopo Bianchetti (fratello del famoso velista solitario scomparso nel 2003, subito dopo aver terminato al terzo posto all’ Around Alone, giro del Mondo in solitario a tappe). “Giornata molto difficile – commenta Nava, tattico di Uka Uka – : vento parecchio instabile con continui salti di 15-20°. Bene la prima prova, un po’ attardati nelle due successive causa questo vento poco stabile. Risultato finale a parte, bilancio positivo in quanto siamo riusciti a testare la velocità con le altre barche in queste condizioni di brezza debole, quelle in cui ancora non ci sentivamo competitivi con i migliori”. Nona e conclusiva prova. Mummy One di Antonio Mingozzi, leader della classifica generale provvisoria sino a questa mattina, si rifà sotto e, grazie ad un’ottima tattica dello sloveno Branco Brcin, si aggiudica la prova. Questo risultato non gli è sufficiente per aggiudicarsi la tappa: Cheyenne chiude troppo vicino, quinto, e si porta a casa la vittoria. Al secondo posto nella nona regata si piazza Spirit of Simone di Jacopo Bianchetti (tattico Lorenzo Bressani), al terzo Matrix di Melegari. Uka Uka è undicesimo. L’equipaggio di Uka Uka: il timone è stato affidato al marchigiano Alessio Marinelli, da Civitanova Marche, che vanta una notevole esperienza nelle derive. Sempre da Civitanova è stato reclutato il prodiere Paolo Mangialardo. Alla randa un grande specialista della monotipia, il bergamasco Andrea Felci. Completano l’equipaggio: Nicholas Dal Ferro (trimmer genova) e Gerardo Siciliano (comandante). I prossimi impegni di Uka Uka per il 2007: IIa tappa Circuito Italiano Mumm 30 (Marina di Ravenna, 20 – 22 aprile), IIIa tappa Circuito Italiano Mumm 30 (Venezia, 25 – 27 maggio) e il Campionato Mondiale classe Mumm 30 (Porto Cervo, 1 – 7 ottobre).

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.