Terza Giornata delle Vele d’Epoca a Napoli Trofeo Banca Aletti

TRA I CLASSICI LA MARINA MILITARE CONDUCE LA CLASSIFICA. LE CLASSI METRICHE GUIDANO GLI EPOCA. TRA I DRAGONI LA CAMPANIA CON L’EQUIPAGGIO DI TERGESTE (ITA4) SI PORTA AVANTI ALL’UCRAINA E BALZA PRIMA IN CLASSIFICA PROVVISORIA. Napoli, 02 Luglio 2011 – Proseguono le regate dell’ottava edizione Le Vele d’Epoca a Napoli Trofeo Banca Aletti, il raduno riservato a yacht d’epoca e classici organizzato dal Reale Yacht Club Canottieri Savoia e dall’Ufficio Sport Velico Marina Militare Italiana, con la direzione tecnico-sportiva dell’Associazione Italiana Vele d’Epoca. In questa terza giornata le imbarcazioni sono tornate a regatare, insieme ai dragoni classici, ma con partenze e campi separati, nelle acque vicino Castel dell’Ovo – ieri, infatti, per le vele d’epoca si è svolta la regata lunga sino a Punta Campanella – visibili da Via Caracciolo. Emozioni e suspense in queste giornate con strappi di spinnaker , “uomo in mare” e scelte tattiche dell’ultimo minuto. Spettacolari gli incroci delle vele d’epoca con il campo di regata dei dragoni con vento in poppa, pose “plastiche” degli equipaggi a bordo e serrati giri di boa. E’ come vedere una pellicola super 8 ma a colori, il nastro si riavvolge sino ai giorni nostri e riporta viva nella memoria la Napoli vincitrice della medaglia d’oro all’organizzazione assegnatale all’Olimpiade del 1960. Tra le splendide imbarcazioni dell’anno 2011 dell’ottavo Trofeo Banca Aletti ci sono tra le altre il Big Class Gaff Cutter Lulworth (1920), il ketch Javelin (1987), il 6 metri S.I. Zenith, il 5.50 metri S.I. Dalgra III, i cinque Marconi della Marina Militare, Chaplin, Artica II, Caroly, Corsaro II, Stella Polare, la prima della serie One Design Class California 32 Cholita (1937), Kipawa la prima di sei esemplari dei 10 metri I.R. Cruiser Racer del 1938. Nove i dragoni classici in gara: Ausonia, Blue Mallard, Bunker King (dall’Ucraina), Buriana, Freja, Japetus, Syrinx (dalla Svizzera), Tergeste, Valì. Le posizioni in classifica non subiscono grandi variazioni nella categoria yacht classici, per le barche d’epoca praticamente uguali i risultati tra la prima e la seconda giornata. Oggi le regate si sono svolte con vento tra gli 8 e i 10 nodi, direzione maestrale un po’ più destro. Si attende ancora il rientro delle più piccole per poter stilare la classifica di oggi. Intanto queste le prime tre posizioni nelle rispettive categorie e gruppi dopo due prove: Yacht Classici con apm (abbuono per miglio) – 15 (metri): Stella Polare, Chaplin e Corsaro Yacht Classici con apm – 15: Naif, Artica, Dalgra III Yacht d’Epoca con apm – 12: Kipawa, Cholita, Manta Yacht d’Epoca con apm – 12: Zenith, Albelimar, Ocean Anemone Nella classifica dei dragoni classici continua la lotta serratissima tra Bunker King Polsta (UKR17) la barca di bandiera ucraina timonata da Igor Petukhov – equipaggio Demitry Yarmolenka e Alexander Pugachev – e le due imbarcazioni italiane Tergeste, del Circolo Nautico Lazzarulo di Pollica e Buriana, del C.N. Cervia. Le tre imbarcazioni si sono alternate regolarmente nella vetta dei primi tre: Bunker King Polsta, al comando il primo giorno, slitta in seconda posizione ieri per poi chiudere in terza oggi con 8 punti (1, 5, 2); Buriana (ITA22), invece, con un terzo, un primo e un terzo, si porta a 7 punti e si piazza seconda in classifica con l’equipaggio composto da Francesco Spirito (timoniere), Susanna Guidi, Massimo Conti, Paolo Tiselli. Tergeste (2, 4, 1) con Marco Gallo al timone, Franco Peluso e Mauro Grandone alla prua e mezza barca chiude le tre prove al comando. Domani, per le prime tre, sarà la giornata risolutiva per aggiudicarsi la Coppa d’Oro Eduardo Pepe. Domani sarà l’ultima giornata di regate con l’evento a mare più suggestivo della manifestazione: la Parata Navale, che disporrà le imbarcazioni dalla più grande alla più piccola per il saluto di rito alla Giuria di regata. L’imbarcazione che si distinguerà per stile e spirito marinaresco vincerà il Premio Eleganza Marina Yachting. Le barche sono convocate alle ore 9.00, usciranno dal porticciolo di Santa Lucia per sfilare sino alla Rotonda Diaz. Quindi si trasferiranno a motore sino al Golfo di Pozzuoli per l’ultima regata, quella di ritorno Pozzuoli – Santa Lucia. I dragoni classici saranno impegnati invece ancora sullo stesso percorso olimpico. Al rientro, si svolgerà la Cerimonia di Premiazione sulla terrazza del Circolo Savoia. Questa sera alle 21.00 il Circolo ospiterà tutti i partecipanti per la tradizionale Cena di gala. Oltre quattrocento le persone attese tra armatori, equipaggi e ospiti. Il raduno Le Vele d’Epoca Trofeo Banca Aletti si svolge con il patrocinio del Comune di Napoli, dell’Associazione Italiana Derive d’Epoca e dell’Associazione Italiana Classe Dragone. La manifestazione si svolge con il sostegno del Title Sponsor Banca Aletti, di Dimensione Triade e Marina Yachting in qualità di Side Sponsor. Fornitori ufficiali sono il Birrificio Sorrento, acqua Ferrarelle e il tarallificio Leopoldo. “©Foto Francesco Rastrelli. Tutti i diritti riservati”

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.