The Race: “team Adventure” in Testa

“Team Adventure”, condotto dallo skipper Cam Lewis, è in prima posizione dopo l’uscita da Gibilterra. I maxi cat dopo aver passato ieri lo stretto che dal Mediterraneo apre un nuovo terreno di gioco, l’Atlantico, sono impegnati in una serratissima competizione. “Club Med” è in seconda posizione e “Innovation Explorer” ha passato “Play Station” conquistando cosi’, la terza posizione. “Warta Polpharma” alle 13.00 di ieri aveva già un ritardo di circa 286 miglia sul leader della corsa. “Team Legato”, che è partito con oltre 20 ore di ritardo rispetto alla flotta, rincorre la barca polacca e si trova a sole 78,4 miglia da questa. “Play Station” ieri ha avuto qualche problema alla randa e si è dovuto arrestare per sostituirla. Ora, una zona meteorologicamente delicata attende il gruppo dei maxi cat in Atlantico, infatti, dopo i venti sostenuti cominceranno le calme. Questa notte un vento di prua ha costretto i supertecnologici cat a effettuare vari bordi per rimanere in rotta e “Team Adventure” ha condotto perfettemente questa fase della gara, con manovre precise e veloci che gli hanno permesso di mantenere la prima posizione aumentando il distacco con il secondo “Club Med”. Ora, se “Team Adventure” riesce a mantenere con una tattica adeguata il suo vantaggio, “Club Med” e “Innovation Explorer” saranno costretti a combattere tra loro in una zona di calma per passare nel punto obbligato. I venti costringono gli equipaggi a virare continuamente e Grant Dalton, skipper di “Club Med”, ha dichiarato che il suo equipaggio è un po’ affaticato per l’incessante numero di manovre che è costretto a eseguire. Loick Peyron, skipper di “Innovation Explorer”, ieri si è accorto di avere una zavorra d’acqua di quasi una tonnellata, questo non è certo il massimo per ottenere velocità elevate, quindi, dopo aver scaricato il peso superfluo ha ottenuto il miglior risultato velocistico della giornata con 13,2 nodi. Le condizioni meteo sono difficili in quanto il vento è calato bruscamente e quindi, tutto si combatte con la tattica e con la rapidità d’esecuzione delle manovre. Ora sono due le possibilità che si profilano per i maxi cat, scegliere la rotta diretta rischiando di finire in una zona di calma oppure scegliere la rotta più lunga verso Est per adottare una strategia che sfrutti i venti costieri. In seguito al guasto avuto ieri a bordo di “Play Station”, il maxi cat è stato costretto a una sosta a Gibilterra che ora gli costerà 48 ore di penalità durante le quali dovrà rimanere fermo in porto. Il guasto riguardava la parte bassa della randa e si è dovuto provvedere alla sostituzione dell’intera vela. Per “Play Station” non è un bel momento, lo skipper Steve Fosset si è detto dispiaciuto ma pronto a riprendere il via e a dare battaglia agli altri concorrenti.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.