Un Programma di Ricerca Sulla Pesca Sportiva degli Squali nei Nostri Mari

Il Gruppo Mediterraneo di Ricerca sugli Squali (Mediterranean Shark Research Group) ha dato ”avvio alcuni mesi or sono ad un nuovo programma di ricerca, denominato Mediterranean Shark Sportfishery Program (Programma sulla Pesca Sportiva degli Squali del Mediterraneo). Si tratta di uno studio che ha per oggetto le catture di squali effettuate nel Mare Mediterraneo da parte dei pescatori sportivi. Tutti i pescatori possono collaborare alla raccolta di dati, sia come singoli che come clubs o associazioni. Per ogni esemplare vanno raccolti i seguenti dati: la specie di squalo, la data ed il luogo della cattura (specificando la distanza dalla costa e la profondità del mare), la lunghezza, il peso ed il sesso dell’esemplare. Il sesso di uno squalo è facile da riconoscere: è sufficiente osservare la regione ventrale dell’animale ove, presso la base delle pinne pelviche, i maschi presentano gli organi copulatori, due appendici cilindriche dette pterigopodi. E’ necessario inoltre prendere anche una fotografia di ogni individuo. In ogni caso si consiglia vivamente di lasciare libero lo squalo dopo averlo catturato (in tal caso non avrà alcuna importanza se non sarà stato possibile raccogliere tutti i dati richiesti). Per facilitare il compito degli aderenti a questa iniziativa è stata preparata una scheda, disponibile insieme ad ulteriori informazioni alla seguente pagina del sito SQUALI: www.geocities.com/demaddalena_a/MSSP.html Le segnalazioni vanno inviate al seguente indirizzo: Dott. Alessandro De Maddalena – curatore della Banca Dati Italiana Squalo Bianco, via L. Ariosto 4, I-20145 Milano. E-mail: ademaddalena@tiscalinet.it

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.