CLASSE LASER RADIAL: LARISSA NEVIEROV BLINDA L’ARGENTO E SPERA ANCORA CLASSE 470M: ZANDONA’-DELLA TORRE 3° POSTO E SPERANZE D’ARGENTO; FNDA-ZUCCHETTI AL sep TIMO POSTO CLASSE LASER: DIEGO NEGRI SEMPRE 3°, VOLATA A TRE PER DUE MEDAGLIE Sesto giorno di regate per la vela ai Giochi del Mediterraneo di Almeria in Spagna, dove si è corsa la decima e penultima prova del programma. Il vento è tornato a farsi desiderare, costringendo gli equipaggi a molte ore di mare, prima di stabilizzarsi tra 12 e 15 nodi consentendo lo svolgimento dell’unica regata in programma. Domani ultima prova per tutte le classi e definitiva assegnazione delle medaglie della vela per i XV Giochi del Mediterraneo. Nella classe 470M la medaglia d’oro sembra ormai nelle mani dei fratelli francesi Bonnaud, che hanno vinto la regata e guadagnato un punto sui secondi, gli sloveni Copi-Glavina (2), che ora li inseguono a 4 punti. Gli azzurri Gabrio Zandonà e Francesco Della Torre (oggi 4), sono saldamente al terzo posto, ma perdono contatto con il vertice: sono ora a 7 punti dai francesi e a 4 dagli sloveni. Per migliorare l’attuale medaglia di bronzo serve un mezzo miracolo. Nella classe Laser Standard positivo il 5° posto dell’azzurro Diego Negri: è sempre al terzo posto della classifica, ma in forte recupero sul francese Le Breton (solo 9° oggi), che lo precede di un solo punto. Ma la regata finale di domani sarà ad alta tensione: alle spalle di Negri infatti è tornato a farsi sotto il croato Arapov (oggi 3° e attualmente a tre punti dal timoniere italiano). Tre atleti in 4 punti e in lotta per due medaglie: praticamente certo dell’oro invece lo sloveno Zbogar, bronzo di Atene 2004, che può permettersi regate di controllo (come oggi con un 7°). Nella classe Laser Radial femminile si ripete il copione: la francese Sofie De Turckeim vince la regata davanti all’azzurra Larissa Nevierov e porta a 3 punti il suo vantaggio in classifica. La medaglia d’argento è praticamente certa per la Nevierov (7 punti di vantaggio sulla greca Mantzaraki, terza), che nella regata finale di domani dovrà comunque tentare l’assalto all’oro.