Vendee Globe: Altri Due Arrivi in Meno di Quattro Ore

Dopo un combattuto match race in condizioni di vento molto forte e mare molto formato, ieri due arrivi hanno caratterizzato la giornata nella Vendee Globe. Il primo a tagliare il traguardo nella giornata scorsa è stato Bernard Gallay su “Voila.fr”, lo skipper franco svizzero giunto a Les Sables d’Olonne alle 08,18 GMT dopo 111 giorni, 16 ore, 7 minuti e 11 secondi. La fredda bellezza del mattino ha dato il benvenuto all’Open 60 che solo poche a poche miglia dall’arrivo ha trovato vento moderato. Gallay ha finito in ottava posizione dunque, lasciandosi alle spalle Josh Hall, arrivato dopo poche ore, tre e mezzo per l’esattezza. Gally ha commentato cosi’ il suo arrivo: “Nella mia prima Vendee Globe ho avuto un’esperienza molto dura, sia fisicamente sia psicologicamente. Questa volta la mia barca, la ex “Geodis”, mi ha offerto solo il piacere di navigare. Praticamente non ho avuto grossi problemi, a differenza della prima volta in cui mi sono dovuto fermare ben due volte, la barca è sempre stata in ottime condizioni. Indubbiamente ho trascurato un po’ l’aspetto competitivo sin dalla partenza. Non ho fatto regate per un bel po’ di tempo e questo mi ha indotto a commettere qualche errore tattico nel Golfo di Biscaglia, ma nel resto dell’Atlantico tutto è andato bene e sono riuscito a gareggiare bene.” Josh Hall su “EBP/Gartmore” è stato avvistato all’orizzonte dopo circa tre ore mentre surfava nelle acque antistanti Les Sables d’Olonne. Hall ha oltrepassato la linea di arrivo alle 11,59 GMT in nona posizione. Queste le parole di Josh: “Ho appena avuto 70 nodi di vento fino a 10 miglia dall’arrivo”. Hall per l’occasione ha mostrato al pubblico la sua randa colorata e ha navigato nella baia in bordi trionfali animati dal suo folto pubblico presente nella cittadina francese. Tra i presenti ad attendere Josh c’erano anche la skipper inglese Ellen MacArthur e Mike Golding skipper di “Team Group 4” con il quale Josh ha ingaggiato in Atlantico un bel duello. Yves Parlier, skipper di “Aquilaine Innovations” è stato sentito via radio questa mattina e ha dichiarato: “Sono incappato in questo sistema di alta pressione e vedo i pesci volanti sbattere sulla mia randa. Due giorni fa avevo circa 20 di questi pesci sulla coperta, la scorsa notte saranno stati una trentina.” Ieri pomeriggio alle 13,30 Catherine Chabaud, skipper di “Whirlpool” costretta al ritiro per rottura del rig, ha lasciato La Coruna con membri del team a bordo, il suo arrivo in porto è previsto per sabato mattina. Di seguito riportiamo un estratto della conferenza stampa di Hall dopo il suo arrivo: “Mi aspettavo che sarebbe stata dura, so cosa significa spendere più di 50 giorni in mare da solo, ma ho trovato subito la giusta armonia con la barca. Lei è stata per me come la mia donna, un po’ costosa a dire il vero, sensibile, non mi contrariava mai ma sapeva sempre quando non era confortevole. La cosa più frustrante sono stati i giorni di calma di vento, soprattutto quando sai che gli altri stanno andando avanti perche’ si trovano in una zona con più vento (molto probabilmente si riferisce proprio a Golding ndr), in queste condizioni non puoi dormire perche’ cerchi sempre di ottenere il massimo dalla tua barca anche con poco vento, poi mantenere la rottra in queste condizioni diventa fondamentale per non perdere altra acqua. Mi sono preoccupato realmente della classifica solo quando ho oltrepassato la linea d’arrivo, per il resto per me è stata una gran bella avventura dedicata a tutti voi. Ho preso parte alla Ostar, al BOC Challenge, all’Around Alone e alla Vendee Globe, ma è molto duro per la mia famiglia e per i miei amici, ora ho 38 anni e ho bisogno di un cambiamento dopo 15 anni di mare in solitario, ho avuto quattro mesi per riflettere su questo e non ho trovato altre soluzioni, voglio fare regate in equipaggio con la mia splendida barca. Io adoro le regate in solitario, sono speciali, devi pensare a tutto, ho percorso oltre 60.000 miglia con questa barca. Non sono brillante ma sto bene e soprattutto ho dei progetti fantastici, voglio toccare la gente e lavorare con loro, voglio ringraziare tutto il mio team, siete stati fantastici, grazie ragazzi. Questa esperienza di lavoro di squadra mi incoraggia per i miei progetti futuri di regatare in equipaggio. Gli iceberg sono stati il vero grande problema, il pensiero principale del pericolo, speciale nella navigazione a vela in solitario. Alcuni sono lunghi anche un km, ti rendi conto di essere alla fine del mondo e il vento non voleva proprio aiutarmi a tornare a Nord, era freddo e dovevo rimanere vigile per 24 ore al giorno, gli iceberg stanno bene in un bicchiere di vodka.” Alla domanda di un giornalista intervenuto alla conferenza stampa di come fosse riuscito a gestire il suo morale Hall ha risposto: “E’ stato difficile trovare il giusto feeling in ogni situazione della gara, puo’ accadere per qualche giorno ma poi qualcosa cambia e sei meno ben disposto, meno ottimista, non è facile rimanere sempre equilibrato ma è fondamentale fare del proprio meglio per esserlo. Ho cercato di dormire sempre di notte, cercando di fare tutto il necessario durante le ore diurne, ma a volte sono riuscito a dormire solo per un’ora, o addirittura mezz’ora. Comunque, alcune volte sono stato esausto al punto che avrei suonato il campanello d’allarme. Lo stesso per il cibo, non avevo scelta, cibo congelato e secco, preconfezionato, disgustoso, ho odiato questo cibo e nella seconda fase della gara ho dovuto mangiare quel che rimaneva del cibo secco, è stato orribile avevo bisogni di una bistecca.” Di seguito riportiamo la classifica aggiornata alle 08,55 UTC di questa mattina: PsnBoatSkipperLatLongHeadgAv. SpeedDTF 1PRB Michel Desjoyeaux Finish: 10 February 2008hrs 32 sec 2Kingfisher Ellen MacArthur Finish: 11 February 2036hrs 40 sec 3Sill Matines & La Potagère Roland Jourdain Finish: 13 February 1713hrs 33 sec 4Active Wear Marc Thiercelin Finish: 20 February 1248hrs 49sec 5Union Bancaire PrivŽe Dominique Wavre Finish: 22 February 1858hrs 12sec 6Sodebo Savourons la Vie Thomas Coville Finish: 22 February 2335hrs 0sec 7Team Group 4 Mike Golding Finish: 28 February 0833hrs 0sec 8Voilˆ.fr Bernard Gallay Finish: 1 March 0818hrs 11sec 9EBP – DŽfi PME – Gartmore Josh Hall Finish: 1 March 1159hrs 2 sec 10Nord Pas de Calais – Chocolats du Monde Joe Seeten 40°58’N 16°23’W 25 7.56 719 11VM MatŽriaux Patrice Carpentier 38°15’N 18°36’W 69 10.9 902 12Aquarelle.com Simone Bianchetti 26°44’N 34°05’W 33 11.9 1933 13Aquitaine Innovations Yves Parlier 07°40’N 36°56’W 342 9.25 2965 14DDP – 60ème Sud Didier Munduteguy 12°08’S 32°41’W 11 8.78 3998 15Wind Pasquale de Gregorio 27°24’S 40°25’W 1 6.09 5002

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.