«Sono tornato via mare alle mie origini!» così, un emozionatissimo Mario Battilanti, il velista di 91 anni partito dal golfo della Spezia per fare il giro d’Italia a vela, ha commentato l’arrivo a Santa Maria di Leuca, dove lo hanno accolto Cesare Cazzato e Valerio Nuccio, rispettivamente presidente e segretario della locale sezione della Lega Navale Italiana.

Un vero e proprio ritorno alle origini pugliesi per Mario, nato nel 1929 a Taranto.

«Non riesco nemmeno a spiegare quanto sono emozionato» dice al telefono Mario «Ero tornato in Puglia via terra con le mie nipoti per fargli vedere la nostra terra, ma arrivarci via mare, è un’emozione indicibile. Fatico a trovare le parole per esprimere tutta la mia gratitudine agli amici della Lega Navale di Santa Maria di Leuca e della Puglia che mi hanno accolto con tanta generosità. Ho ritrovato sapori, odori, colori che mi hanno riportato indietro nel tempo, al mare della mia infanzia.»

Per sostenere il viaggio di Mario, ribattezzato #Forza91 in omaggio alla sua età, La Lega Navale Puglia ha già predisposto una solida rete di accoglienza.

«Non c’è limite d’età per avvicinarsi alla vela e ad altri sport in mare. Il viaggio di Mario ne è la prova» dice Andrea Retucci, delegato regionale LNI Puglia,«Sostenere questa impresa, insieme agli amici della Nave di Carta della Spezia, fa parte del nostro programma di attività che punta a portare per mare tutti, abili e diversamente abili, giovani e diversamente giovani. Le sezioni pugliesi ogni anno portano in mare circa 2000 persone con diverse abilità, nel nostro prossimo futuro ci saranno anche attività per chi, non più giovane, vuole avvicinare la vela.Ogni età è buona per cominciare»

Nonostante la fatica del viaggio, già percorse 730 miglia, il velista ultranovantenne è in ottima forma, appena un po’ provato dal passaggio del golfo di Squillace, una tappa di 30 ore con vento a 25 nodi e onda di 1 metro. Restano ancora da percorrere 460 miglia per arrivare alla metà a Marina di Ravenna.