Lo yacht a vela più grande del mondo per la terza volta all’Argentario

Il mare dell’Argentario solcato in 150 anni dai panfili più belli del mondo rivede per la terza volta in due anni Sailing Yacht “A”, lo yacht a vela più grande del mondo e il nostro informatore, il comandante Daniele Busetto, gli si è subito avvicinato con il suo tender per i doverosi omaggi marinareschi previsti dall’etica navale.

Sailing Yacht “A”, la grande star del diporto a vela varata nel 2015, è lungo 142, 8 meri con una stazza di 12.600 tonnellate, ha un albero maestro alto 100 metri e invelato emerge dal mare come un palazzo di otto piani. Lo ha progettato il grande architetto e designer Philippe Starck e la nave appartiene al magnate russo Andrey Melnichenko, uno dei super ricchi del mondo. Al suo interno una grande piscina e un osservatorio subacqueo sulla chiglia, con un vetro di 30 cm. di spessore, mentre vetri a prova di bomba e 40 telecamere a circuito chiuso ne garantiscono la sicurezza. Uno dei ponti è attrezzato per l’atterraggio degli elicotteri

“A”, la vocale iniziale del nome del proprietario, è stato costruito nei cantieri di Nobiskrug a Kiel in Germania, è equipaggiato con due motori diesel da 3600 kW e due motori elettrici da 4300 kW e ogni funzione della barca può essere controllata da un unico schermo touch. La sua propulsione è costituita da un propulsore ibrido a velocità variabile con due eliche a passo d’albero controllabile e da un impianto di navigazione a tre alberi rotanti indipendenti a fibra di carbonio prodotti da Magma Structures a Trafalgar Wharf a Portsmouth. Doyle Sailmakers USA ha prodotto le tre vele completamente automatiche in fibra di carbonio / taffettà.

Nel novembre 2004 Melnichenko ha commissionato un altro yacht di lusso con il nome “A” di 119 metri, disegnato da Philippe Starck e Martin Francis e costruito da Blohm + Voss nel cantiere HDW a Kiel in Germania, varato nel 2008 con una lunghezza di 119 metri e un dislocamento di quasi 6,000 tonnellate. E’ tra i più grandi yacht al mondo ed evoca un misto tra un sottomarino e un’imbarcazione stealth.

Dopo una notte in rada davanti a Porto del Valle tutto illuminato, Sailing Yacht “A” è ripartito questa mattina presto 22 luglio. Anche se non ne ha bisogno con la tecnologia quasi spaziale che ha a bordo vale sempre l’antico augurio per i marinai che navigando a vela e per i velisti di oggi, il bisogno di venti favorevoli e mari calmi per i loro viaggi e spostamenti e torna presto “A” con “tuo fratello minore” nel mare storico di Toscana.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE