MARINA MILITARE: NAVE ITALIA PER IL PROGETTO “A GONFIE VELE”

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Il Brigantino più grande e più “buono” del mondo in navigazione

verso Gaeta con a bordo l’associazione ELO epilessia

 

Segui le novità della #MarinaMilitare live su Twitter: @ItalianNavy #ProfessionistiDelMare #IlFuturoéilmare

Oggi 12 settembre Nave ITALIA è partita da Civitavecchia con a bordo l’associazione Epilessia Lombarda Onlus. Continua così la campagna di solidarietà 2017 “a gonfie vele” che, grazie alla Fondazione Tender To Nave Italia Onlus frutto della collaborazione tra Marina Militare e dallo Yacht Club Italiano, regala a persone con disagio sociale o portatori di disabilità psicofisiche un’esperienza stimolante all’interno del proprio percorso terapeutico.

Con Nave ITALIA la Marina Militare svolge, un ruolo socio – educativo mettendo a disposizione i propri uomini e mezzi per l’addestramento velico e natatorio di persone affette da disabilità o che vivono situazioni di disagio sociale. L’esperienza a bordo di una nave a vela, come progetto educativo, migliora la qualità della vita e trasmette la cultura del rispetto del mare e l’apprendimento delle tecniche di navigazione come strumenti di educazione, formazione, abilitazione, riabilitazione, inclusione sociale e terapia.

L’associazione ELO (Epilessia Lombarda Onlus) opera dal 1974 per combattere le restrizioni, le barriere e i pregiudizi associati all’Epilessia. Il target di questa associazione è quello di fornire risposta concreta alle domande e alle necessità di queste persone cercando di migliorare la loro qualità di vita intervenendo a 360° e fornendo un aiuto concreto nelle situazioni di bisogno.

Con l’aiuto di Operatori e Volontari specializzati, ci si prefigge di sviluppare in ogni partecipante la maggiore “autonomia possibile”, permettendogli così di acquisire nuove competenze. Questa maggiore autonomia viene promossa attraverso l’insegnamento quotidiano verso una maggiore cura della persona (igiene personale, abbigliamento,…), la gestione delle relazioni (io-io, io-altro, io – il gruppo) e l’accettazione della vita di gruppo, relazionandosi con i compagni, con gli operatori e i membri dell’equipaggio di bordo. Altri fattori determinanti sono la partecipazione al contesto sociale “gruppo”, modificando ritmi di vita che sono diversi per ogni utente (sveglia, colazione, ecc.) e la gestione di elementi organizzativi come la discussione sul programma delle giornate e sulle attività da svolgere.

Dall’inizio della campagna di navigazione 2017 ad oggi sono 16 le associazioni che sono salite a bordo di Nave ITALIA e oltre 300 le persone coinvolte nei progetti di recupero e inserimento sociale. La campagna di Nave Italia di quest’anno va anche ricordata per due avvenimenti unici: la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a bordo, svoltasi a Civitavecchia lo scorso 9 giugno in occasione della Giornata della Marina,  e l’avvio di progetti internazionali, ovvero la collaborazione con l’Associazione Chance4Children che ha permesso l’imbarco di 14 bambini affetti da malattie oncologiche, provenienti dalla Repubblica Ceca.

Nave ITALIA arriverà a Gaeta il 16 settembre dopo 5 giorni di navigazione, durante i quali si formeranno, insieme all’equipaggio della Marina Militare sempre pronto ad accogliere e istruire i più giovani, 15 nuovi Marinai di Nave ITALIA.

 

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.