Novamarine: ottimo il riscontro a Euronaval 2016

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Si conclude oggi Euronaval 2016, Naval Defence and Maritime Exhibition, dove Novamarine ha incontrato delegazioni internazionali di marine militari, forze armate e di polizia che operano in mare, per illustrare le peculiarità dei suoi esclusivi battelli.

Ottimo il riscontro ottenuto dall’azienda italiana, tecnici e operatori della sicurezza che hanno analizzato le specificità del progetto Novamarine sono tutti concordi nel ritenere i mezzi della gamma attualmente proposta, che spazia dal più piccolo 8,50 m al più grande 220 di 22 metri, sicuramente capaci di incrementare il livello di operatività. Questo è dovuto principalmente alle elevate doti di carico, prestazioni intese come velocità massima, tenuta di mare e manovrabilità alle alte velocità, ma anche da una struttura che sebbene sottoposta a stress estremi non modifica mai l’assetto del mezzo, permettendo in ogni condizione post-operativa di fare rientro alle medesime condizioni dinamiche dell’andata. Altro elemento apprezzato dalle delegazioni e dagli addetti militari ricevuti presso lo stand Novamarine è stato l’elevato grado di protezione e sicurezza che i mezzi prodotti a Olbia sono in grado di offrire ai team impegnati in operazioni ad alto rischio. Questo è dovuto alla presenza delle falchette strutturali e dei tubolari pieni di un materiale speciale a cellula chiusa, grazie al quale sono assicurate sempre le doti meccaniche richieste agli elementi perimetrali e insieme quelle idrodinamiche. Gli speciali tubolari possono essere danneggiati a seguito di un violento sinistro, oppure in un conflitto a fuoco, ma il “Sea Fighter Interceptor”, questo il nome della linea di battelli militari Novamarine, può fare rientro senza limitazioni operative o continuare la missione o riprenderla in un secondo momento senza richiedere alcun intervento. Interventi sui tubolari possono essere realizzati a esigenza terminata per ripristinare il mezzo dal punto di vista estetico, ma la sua operatività è garantita sempre, soprattutto quando deve riportare alla base i team impegnati nelle operazioni.

Questi elementi, unitamente alla possibilità di realizzare aperture laterali sulle murate senza compromettere la rigidità strutturale, sono stati molto apprezzati dagli specialisti ospitati da Novamarine a Euronaval, fiera che lascia oggi con soddisfazione in attesa di prendere parte ai prossimi fieristici militari internazionali dove i suoi battelli ognitempo, a oggi gli unici di tali dimensioni in possesso della certificazione RINA MIL per Fast Patrol Boats, stanno riscuotendo particolare interesse.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.