TITOLI PROFESSIONALI: UCINA CONFINDUSTRIA NAUTICA E IL COORDINAMENTO NAZIONALE DEI MARITTIMI INCONTRANO IL MINISTRO GRAZIANO DELRIO

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Si è svolto ieri a Roma, l’incontro del Ministro dei Trasporti Graziano Delrio con UCINA Confindustria Nautica e il Coordinamento nazionale marittimi “3 Febbraio”, per sottoporre al Ministro la grave situazione dei lavoratori del mare che sarà oggetto della manifestazione in programma nella capitale il 15 novembre prossimo.

Ad oggi, infatti, sono migliaia coloro che lavorano come marittimi e trovano sempre maggiore difficoltà a vedere rinnovati i loro certificati di competenza. L’Italia ha adottato norme di recepimento della Convenzione internazionale che regola il lavoro marittimo ben più restrittive di quelle di molti altri Paesi europei, il che ha determinato una fuga di lavoratori verso l’estero (ben 5 ogni giorno), in particolare verso la Gran Bretagna.

UCINA e il Coordinamento Nazionale Marittimi “3 Febbraio” hanno ribadito la necessità di rivedere e interpretare le norme nazionali sui titoli professionali a vantaggio dei lavoratori del mare italiani allineando i requisiti richiesti ai criteri applicati da inglesi, francesi, spagnoli, greci, maltesi e croati.

Il mancato aggiornamento della normativa internazionale si traduce anche in un grave danno occupazionale che si riflette sull’intera economia del settore: un comandante italiano, infatti, molto spesso si traduce in un equipaggio italiano, nella scelta di un porto base e di un cantiere di manutenzione nazionali. Ad oggi, tutte risorse che al contrario vanno all’estero.

“In questi anni l’Italia ha vessato i lavoratori marittimi e posto alcuni di loro fuori dal mercato del lavoro, a tutto vantaggio dei titoli professionali inglesi, applicando in maniera unilaterale e restrittiva le clausole della Convenzione internazionale STCW* che regola il lavoro in mare”, spiega Luigi Scotto, Coordinatore dei marittimi. “Per la prima volta abbiamo incontrato il Ministro e ringrazio UCINA per aver creato questa opportunità”.

“Molti marittimi italiani, anche del diporto, hanno perso e perderanno la propria abilitazione, dopo aver perso il proprio grado già nel 2007” – aggiunge Maurizio Balducci, vice presidente UCINA – “per questo la nostra Associazione appoggia la richiesta che i decreti attuativi e le disposizioni della Direzione del Trasporto marittimo allineino l’Italia ai criteri di applicazione della Convenzione internazionale data dalla maggior parte dei Paesi europei, con l’adeguamento ai soli requisiti indicati dal testo originale per i rilasci e i rinnovi dei certificati professionali”.

Il nodo principale è la mancata applicazione in Italia delle norme transitorie previste dalla stessa Convenzione internazionale, da cui discendono gravi conseguenze per i nostri occupati.

In sintesi le principali richieste dei marittimi:
a. Rinnovo dei titoli professionali in corso di validità, secondo le disposizioni transitorie stabilite dagli emendamenti “Manila 2010” alla Convenzione STCW, che prevedono, come da principi generali del diritto, che i certificati già rilasciati siano validi fino alla loro scadenza.
b. Consentire, come fanno gli spagnoli, ogni prevista possibilità per certificare la navigazione valida ai fini del rilascio e del rinnovo dei certificati per il marittimo che risulti regolarmente imbarcato per un totale di 12 mesi nel quinquennio, quindi a prescindere:
– dalla bandiera
– dalla destinazione d’uso dell’unità;
– dalla stazza dell’unità (sez. Coperta) o potenza di propulsione (sez. Macchina) su cui il marittimo sia imbarcato;
– che l’unità sia a uso privato oppure in attività commerciale.
c. Riconoscimento della funzione svolta a bordo, così come prescritto dalla STCW (determinante nel caso della validità dello svolgimento di funzioni equivalenti ai fini del rinnovo dei titoli).

*: Convenzione Internazionale sugli Standard di Addestramento, Certificazione e Tenuta della guardia per i marittimi (STCW). Adottata dalla Conferenza Internazionale sull’Addestramento e Certificazione dei marittimi nel 1978, è stata sottoposta ad una revisione generale a partire dagli anni ’90 e culminata nella conferenza di Manila 2010 che ha adottato un significativo numero di emendamenti alla Convenzione STCW e al Codice STCW che entreranno in vigore nel 2017.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.