UCINA Confindustria Nautica: MIAMI CHIUDE CONFERMANDO IL PRIMATO E L’ECCELLENZA DEL MADE IN ITALY

Daniele Carnevali
Scritto da Daniele Carnevali

Il Miami Boat Show, una delle più importanti manifestazioni oltre oceano dedicate alla nautica che si è concluso oggi, è stato vetrina per molte aziende nautiche associate ad UCINA Confindustria Nautica che hanno presentato, per i diversi settori merceologici di appartenenza, i loro nuovi modelli e prodotti ai visitatori e al mercato americano. Presenti, tra gli altri, i cantieri Monte Carlo YachtsOvermarineSanlorenzo e, per le imbarcazioni pneumatiche, Cantiere Capelli, Nuova Jolly e Zar Formenti.

Con 1.100 espositori, 1.300 barche esposte di cui oltre 500 in acqua e oltre 100.000 visitatori, il Miami Boat Show rappresenta un appuntamento di grande rilievo per l’industria della nautica da diporto in Italia.

“L’importante presenza italiana al Miami Boat Show conferma la peculiarità della nautica italiana quale massima espressione del Made in Italy” ha dichiarato Carla Demaria, Presidente di UCINA Confindustria Nautica e Presidente Monte Carlo Yachts, azienda con sede a Monfalcone che impiega oltre 400 dipendenti diretti. “Gli USA rappresentano il primo mercato di esportazione delle aziende italiane e il principale mercato mondiale per numero di diportisti, di imbarcazioni prodotte, e per giro di affari generato dal settore”.

I dati provvisori 2016 confermano il trend positivo dell’export nautico italiano nel mondo e negli Stati Uniti in particolare. In questo senso, i numeri ufficiali elaborati dall’Ufficio Studi di UCINA Confindustria Nautica saranno anticipati nel prossimo mese di aprile.

Ferruccio Rossi, Direttore Generale di Sanlorenzo Spa, cantiere italiano leader nella produzione di motoryacht e primo marchio nella classifica mondiale dei migliori costruttori sopra ai 24 metri ha commentato da Miami: “Abbiamo assistito ad un flusso più intenso rispetto agli anni scorsi della clientela statunitense. Si tratta certamente di un ottimo segnale: essere ambasciatori del Made in Italy vale infatti ancora di più in America dove la clientela è particolarmente appassionata del “bello italiano”.

 

Genova, 20 febbraio 2017

sull'autore

Daniele Carnevali

Daniele Carnevali

Classe ’81, giornalista professionista approdato nella redazione di Nautica nel 2003. Appassionato di barche a vela e a motore, nel tempo libero si diletta a veleggiare a bordo del suo Fireball.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.