Un day cruiser dallo stile innovativo che cela, sotto la plancetta di poppa, due fuoribordo capaci di imprimere potenza e velocità. Tanta attenzione ai dettagli e un’ottima organizzazione degli spazi, sono i tratti distintivi di una piccola-grande barca. Era il 2012 quando Marc De Antonio e Marc Chmielewski, spagnolo il primo e svizzero il secondo, decisero di sbarcare nel rutilante mondo della nautica. Erano gli anni della crisi che aveva colpito tutti i settori dell’economia. Entrambi appassionati di design, erano ancora molto giovani per poter unire le competenze al quel mix di coraggio e incoscienza che trasforma le idee in progetti. Fu così che nacque la prima barca, il D23, e con essa la De Antonio Yachts che impresse una filosofia precisa alla produzione: linee moderne e originali, molta attenzione alle finiture e ai dettagli e soprattutto la scelta dei fuoribordo occultati dalla plancetta. Era una soluzione non inedita ma davvero poco diffusa, che dimostrò in breve tutti i vantaggi: alte prestazioni e bassi costi di manutenzione uniti a maggior spazio in coperta, assenza di sala macchine, accesso al mare sgombro e maggiore silenziosità...

Leggi tutto l'articolo

Abbonati