Cerca un numero arretrato o una prova

esempio: numero 55 oppure scrivi il nome della barca per la quale stai cercando la prova

Nautica Numero 518 giugno 2005

Sommario

  • Nell’editoriale di giugno Lucio Petrone ci racconta come si sono svolto gli eventi della grande festa Ucina al Satec di Santa Margherita Ligure, osservando che ancora oggi decisioni di governo e di personaggi specifici non vanno nella direzione auspicata da tutti, ossia, dai diportisti e dagli operatori del settore, perché questi sono i tutti interessati alle decisioni che riguardano la nautica. Critiche ad alcuni interventi e osservazioni su quanto sta per accadere a livello normativo rendono l’editoriale di Nautica di giugno particolarmente interessante per chi segue la politica legata alla nautica da diporto.
  • L’Utenza. Il nostro Franco Bechini riprende il discorso dei varchi di accesso al mare e lo fa come sempre con toni accesi dalla volontà di garantire il diritto, di tutti, di poter accedere a un bene che è di tutti e non di chi prepotentemente si appropria di tratti di costa rendendoli inaccessibili. Non mancano osservazioni di carattere politico, seppur prive di colore come di consueto nel caso del Bechini, ma pregne di quell’analisi che permette a tutti di capire come stanno le cose nella gestione del demanio.
  • Pagine Azzurre cresce con la portualità. Giunto alla sua ventunesima edizione, Pagine Azzurre, il portolano dei mari d’Italia disponibile in edicola e nelle librerie specializzate, si regala un nuovo formato e un’inedita copertina morbida, che lo rendono ancora più pratico da consultare e piacevole da sfogliare.
  • China International Boat Show 2005. Il nostro inviato Fabio Petrone e il direttore di Nautica Luca Sonnino Sorisio sono andati a visitare il salone nautico internazionale cinese. Sfidante alla prossima America’s Cup, organizzatrice delle Olimpiadi del 2008, che per la vela si svolgeranno a Qindao, la Cina, stato emergente per antonomasia, tenta così di assumere un ruolo rilevante nella vela sportiva, sperando che ciò sia propedeutico anche nello sviluppo dell’attività diportistica. Con l’UCINA abbiamo partecipato al salone nautico di Shangai, raccogliendo informazioni e sensazioni circa questa realtà, in tutti sensi molto lontana dalla nostra.
  • Nozioni di meteorologia per la patente nautica. Meteobignami. Il Magg. Paolo Capizzi in questo articolo ci parla della meteorologia come materia di studio per il conseguimento della patente nautica, tuttavia dice, troppo spesso, nei corsi e nei testi di studio è un pò trascurata, anche perché non sempre viene trattata da veri esperti. Questo articolo vuole essere, come gli storici “Riassunti del Bignami” di studentesca memoria, un prontuario per acquisirne le nozioni basilari, indispensabili per una navigazione sicura.
  • Il futuro della telefonia satellitare. Una chiamata dal cielo. Eolo Attilio Pratella ci dice che oggi con i telefoni satellitari ci si può collegare con tutto il mondo, ma il punto nodale che i gestori devono risolvere e l’abbattimento dei costi, l’unico modo per diffondere questo sistema di telecomunicazioni e aumentare il bacino di utenza.
  • Materiale e tecnica di costruzione. Acciaio: forza senza compromessi. Corradino Corbò ci dice che questo materiale, indispensabile per la realizzazione dei superyacht, ossia la lega ferro-carbonio, costituisce per qualsiasi costruttore una vera e propria sfida alle insidie del mare e del tempo.
  • Cipro. La culla di Venere. Angelo Colombo è andato per noi alla scoperta dell’isola di Cipro. Entrata dal 1 maggio 2004 a far parte della Comunità Europea, Cipro è per estensione la terza isola del Mediterraneo, uno dei luoghi del Mare Nostrum che meritano di essere conosciuti per la bellezza delle sue acque e per la storia che l’accompagna, della quale ovunque sono presenti tracce, sia in siti archeologici sia nelle persone, le quali mostrano chiari i segni di una civiltà che si è sviluppata all’insegna della promiscuità.
  • Alla scoperta di Sao Tomè e Principe. Isole di cioccolato. Luca Sonnino Sorisio ha visitato per noi le isole di Sao Tomè e Principe. Sperdute in Oceano Atlantico, nel Golfo di Guinea, a 300 km dalla costa del Gabon, due isole ricoperte dalla foresta e da piantagioni di cacao offrono anche spiagge stupende e un mare pulsante di vita.
  • Free Life’s Log. Internet Film e TV sulle barche vagabonde. Silvio dell’Accio continua a raccontarci la sua esperienza di vagabondo tra i mari e questa volta ci parla delle nuove tecnologie presenti sulle barche di chi, almeno nell’immaginario collettivo, vive di poco o niente. Gli apparati che si possono trovare ora a bordo delle barche dei vagabondi hanno soprattutto la funzione di garantire maggiori margini di sicurezza, ma visto che permettono anche di fruirne per l’intrattenimento sono spesso utilizzate anche per i momenti di relax.
  • Louis Vuitton ACT. Nuova Era. Paolo Venanzangeli ci parla della nuova era della Coppa America. Cn gli atti 4 e 5, in programma a Valencia dal 16 al 26 giugno, inizia la Coppa America della nuova era, che porterà gli undici sfidanti ad incontrarsi regolarmente in giro per il mondo, prima di affrontarsi nella Louis Vuitton Cup dell’aprile 2007.
  • Vela libera. Paolo Venanzangeli dedica la sua pagina della rubrica Vela Libera all’EPIRB, il radiofaro indicatore di emergenza della posizione. Venanzangeli ci offre una panoramica sulla tecnica di funzionamento di questi preziosi alleati di chi va per mare e sulle tipologie esistenti, sottolineando quanto si siano rivelati fondamentali per la salvaguardia della vita umana in mare nel corso di regate come la Roma per 2 ultima, nel corso della quale proprio questo apparato ha permesso ai mezzi di soccorso di intervenire rapidamente scongiurando il peggio nel corso di un naufragio.
  • Toscana Elba Cup – Trofeo Locman. Valencia elbana. Tutti i protagonisti della prossima Coppa America e altri fuoriclasse si sono radunati per contendersi per la quarta volta il trofeo toscano.
  • La rubrica dello sport è come sempre ricca di notizie dai campi di regata e dai circuiti di motonautica. Nelle pagine dedicate alle notizie sportive i nostri lettori troveranno informazioni relative allo sport e in particolare XXXVI Edizione regate Pirelli Coppa Carlo Negri, 24° Trofeo Ermenegildo Zegna regate di Primavera, XXII Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno, Louis Vuitton ACT e notizie dai team con intervista a Francesco De Angelis, record del mondo di velocità sull’acqua ottenuto sul Lago d’Iseo, inoltre, nella rubrica Giri di Boa notizie dai vari campi di regata internazionali e dai circuiti di motonautica.
  • Nautica ha provato per voi, scoprendone pregi e difetti, le seguenti imbarcazioni: Mattia & Cecco Mattia 56, Ferretti Yachts Ferretti 550, Cantieri Navali Rizzardi Rizzardi 45 Incredibile, Dellapasqua DC DC 13 Elite, Arturo Stabile Stama 33, Century Boat Company Century 2600, BRP Sea Doo 3D Premium.
  • La rubrica “Una barca per tutti”, che comprende i piccoli annunci e affronta i seguenti argomenti: La borsa del nuovo il Charter scuole e patenti: indirizzi; Il Consulente l’usato: consigli e suggerimenti sulla manutenzione delle barche, le schede delle barche di una volta e intervista ad un broker; pagine blu.

Editoriale

ODO AUGELLI FAR FESTA

VIVA TUTTI!

Grande festa Ucina al Satec di Santa Margherita Ligure, dove la scenografia dei fuochi artificiali – bellissima quella a conclusione della cerimonia di premiazione dei tre nuovi Pionieri della Nautica (Enzo Polipodio, Clelia Pirazzini e Salvatore Guardascione, ai quali vanno le nostre più sentite congratulazioni) alla Cervara di Portofino – ha trovato un anticipo, in mattinata, nelle comunicazioni telefoniche con Roma che in tempo reale hanno portato a conoscenza del folto pubblico partecipante all’Assemblea Aperta, prima il definitivo via libera della Corte dei Conti al Regolamento per i Superyacht e poi l’approvazione, da parte del Consiglio dei Ministri, del testo del nuovo Codice della navigazione da diporto.
E i vari protagonisti hanno raccolto ognuno la loro parte di applausi e felicitazioni, meritati o meno. Naturalmente in primo piano il sen. Luigi Grillo, da buon ligure sempre in grande sintonia con Ucina e Confitarma. Questa volta non ha parlato di vendere il Demanio ai privati, come aveva proposto già prima di Tremonti, ma ha fatto comprendere che in Liguria non si muove foglia che lui non voglia, rassicurando i testimonial dei diportisti invitati a presenziare all’Assemblea – la simpaticissima ed effervescente Loretta Goggi e il determinato commissario tecnico della nazionale di calcio, Marcello Lippi, viareggino doc – che quest’estate non ci saranno novità nella navigazione attorno al promontorio di Portofino e nella relativa area marina protetta.

Un’altra chicca? Il nostro non è affatto convinto che le riviste specializzate possano rappresentare gli utenti. Trova giustissimo, ne consegue, che una legge sulla navigazione da diporto sia stata redatta sulla base dei suggerimenti Ucina, dell’Assoporti e altre associazioni di servizi, ma senza minimamente prendere in considerazione l’utenza nautica, quella su cui si scaricano adempimenti, spese e sanzioni.

Che volete che ne sappiano le riviste che dialogano quotidianamente con i diportisti delle loro esigenze, opinioni e proteste? Grazie, Senatore, della sua alta considerazione. In verità, pensavamo fosse più politico e meno irritabile, quando democraticamente una voce fuori dal coro esprime un’opinione per migliorare quello che poteva essere un ottimo Codice, un provvedimento innovativo in chiave europea e invece rimane una burocratica applicazione dell’esistente.

Ma ci consoliamo. Mentre ogni sostanziale miglioria era stata bloccata, in Commissione, al Senato, le proteste, nostre e di altri, sono state fortunatamente così forti da costringere chi di dovere a diversi ripensamenti e l’ultima bozza di testo ha recepito alcune modifiche. In verità, forse la soluzione migliore sarebbe stata che il Governo avesse rinunciato alla delega parlamentare, rinviando l’emanazione del Codice a tempi più maturi, senza fermare, frattanto, tutte le norme rinviate a specifici successivi provvedimenti.

Ma è inutile parlare del senno del poi, specie quando c’era qualcuno estremamente interessato a ottenerlo al più presto. Abemus codicem e così sia. Noi italiani siamo troppo abituati ad adattarci piuttosto che a ribellarci. È un’atavica predisposizione mediterranea e levantina, è la nostra sostanziale differenza dal carattere delle genti mitteleuropee. Ma sappiamo lottare anche partendo da posizioni di inferiorità, dal dialogo. Che cristiani saremmo se non partissimo dal convincimento che la giustizia trionfa sempre?

E nella bozza di Codice distribuita al Satec c’è sicuramente una richiesta ingiusta: quella di imporre ai proprietari delle unità da diporto non CE – cioè prodotte in base agli standard di progettazione e costruzione Rina che consentivano l’omologazione con la legge 50/71 e successive modificazioni – la stessa visita di idoneità prevista per le unità CE, cioè costruite dal 18 giugno 1998 in poi, secondo gli standard della Direttiva europea 94/25/CE, rivolta ai soli costruttori e non agli utenti. Così, ogni qual volta gli armatori/proprietari dovranno chiedere un cambio di categoria, di bandiera, di ufficio marittimo, di motorizzazione ecc. saranno costretti – in pratica, via via tutti – a sottoporre la barca al nuovo tipo di accertamento dell’idoneità alla navigazione, rilasciata dagli enti di certificazione preposti.

Non essendo tali caratteristiche previste nella normativa di costruzione preesistente e, quindi, nella progettazione, tale adeguamento – esplicitamente escluso dalla succitata Direttiva – comporta lavori più o meno importanti o addirittura impossibili in quegli scafi dove il designer ha studiato millimetricamente tutti gli spazi per utilizzarli al massimo.

Non va dimenticato, inoltre, che il costo dei lavori può risultare ingiustificato rispetto al valore attuale della barca sul mercato dell’usato. Allo stesso tempo, un’unità usata non certificata come idonea non avrà alcun valore e, in più, per rottamarla (materiale non biodegradabile) si dovrà richiedere l’intervento di una ditta specializzata.

Per la stessa ragione, sarà molto difficile il rientro di nostre unità a suo tempo emigrate all’estero e acquistate col leasing francese e simili, specie ora che l’armatore italiano può conservare quella bandiera senza alcun problema fiscale, facendosi rappresentare oltralpe da una delle tante società nate appositamente.

E la legge Muratori, che mirava all’opposto? Il professore, che è un nautico, ha ottenuto alla fine diverse modifiche al Codice, ma su questo punto, almeno fino al momento in cui scriviamo, niente. L’importante è che si vendano le barche nuove, ma la gente, così, che ne fa delle vecchie? E non si vendono certo le piccole, com’è stato discusso proprio al Satec. Il mercato non le richiede.

Un atteggiamento molto collaborativo con l’utenza è stato espresso invece dal nuovo Comandante Generale delle Capitanerie di Porto, Amm. Ispettore Luciano Dassatti, che ha parlato, molto applaudito, di una politica di soddisfazione dell’utente anche per l’avvio dell’annunciato Sportello del Diportista, che svilupperà il contatto del Corpo con diportisti e imprenditori della nautica.

Regole, rispetto, ma anche un approccio diverso con la gente, che porti a un ulteriore miglioramento del rapporto tra le Capitanerie e tutto il mondo della nautica. Sollecitato dalla Goggi e da Lippi sull’argomento dei troppi controlli a mare, Dassatti si propone di sviluppare la collaborazione e il coordinamento interforze in mare, e specialmente con il Sottocapo di Stato Maggiore della Guardia di Finanza, responsabile anche del Servizio Navale, Gen. Paolo Poletti, presente in sala, che ha assicurato tutta la sua disponibilità.

Estremamente positiva anche la posizione del nuovo Direttore Generale della Navigazione, dott. Massimo Provinciali, pronto a valutare le proposte del settore, anche perché la stessa legge 172/2003 prevede che dopo il primo anno il Ministero possa apportare aggiustamenti in base all’esperienza.

E noi abbiamo espresso all’Assemblea alcune considerazioni di base, recriminando sul mancato inizio di innovamento che il Codice avrebbe potuto contenere. Siamo riusciti a sensibilizzare l’opinione pubblica e anche i politici, svolgendo un’azione d’informazione e stimolo antecedente e poi sinergica a quella svolta da Ucina.

Ma abbiamo agito sempre in un quadro normativo tradizionale, concepito, per quanto riguarda il mare, il demanio e l’attività marittima, in chiave di difesa del potere nazionale.

Oggi tutto è cambiato. L’andar per mare all’unico scopo di impiegare il proprio tempo libero e far turismo non è più una concessione dello Stato, ma un diritto di tutti i cittadini, che oltre tutto arreca beneficio all’economia della nazione.

Come tale va quindi stimolato e non c’è nulla di meglio delle più avanzate applicazioni del marketing: la normativa non più vista come un mezzo di difesa del potere, scaricando responsabilità e adempimenti sull’utente, ma come ausilio all’incentivazione del settore attraverso la soddisfazione e la fidelizzazione dell’utente, sia esso privato cittadino o imprenditore.

Costituisce l’ultimo anello della catena e va rispettato sotto ogni punto di vista, perché, alla fine, è quello che paga tutti: dall’operaio del cantiere all’operatore dei servizi, dal professionista all’impiegato pubblico o privato che sta dietro la scrivania, dai militari, carabinieri, finanzieri, poliziotti che ci proteggono fino a ogni pubblico ufficiale in servizio e fuori servizio, ecc. ecc.

Anche il Viceministro Mario Tassone ha scoperto che ci vorrebbe il Ministero del Mare. Almeno su questo siamo d’accordo. Lo chiediamo da tempo, l’anno scorso lo auspicammo ancora con Marevivo e tutta la giuria del Premio Casinò Sanremo “Libro del mare”, poi il convulso evolversi della vita politica nazionale ha raffreddato i nostri entusiasmi. Il Ministro Tassone sia certo che lo appogeremo su tutte le iniziative che vorrà prendere in proposito.

Questo testo, se non si riferisce al numero di Nautica correntemente in edicola, viene pubblicato esclusivamente a fini storici e le opinioni espresse potrebbero non coincidere più con quelle della Direzione e/o della Redazione di Nautica Editrice Srl

Indice articoli presenti in questo numero

1
Ingemar: tre nuove strutture a Venezia, Ischia e Procida
rubrica: Approdi e residenze | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 224

2
Marina dei Cesari
rubrica: Approdi e residenze | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 222
3
Marina di Varazze
rubrica: Approdi e residenze | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 222
4
Marina Genova Aeroporto
rubrica: Approdi e residenze | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 224
5
Porto della Maremma
rubrica: Approdi e residenze | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 220
6
Odo augelli far festa: Viva tutti!
rubrica: Attualità | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 100
7
Il gigante buono
rubrica: Autonautica | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 228
8
A basso impatto ambientale
rubrica: Broker & Charter | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 332
9
Capolavori del Mediterraneo
rubrica: Broker & Charter | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 335
10
Charter alle Sporadi e Cicladi: Isole da sogno
rubrica: Broker & Charter | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 330
11
Mirtillo
rubrica: Broker & Charter | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 332
12
Vacanza facile in Grecia
rubrica: Broker & Charter | annata: 2005 | numero: 518 | pagina: 332

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.