Cerca un numero arretrato o una prova

esempio: numero 55 oppure scrivi il nome della barca per la quale stai cercando la prova

Nautica Numero 654 Ottobre 2016

Sommario

Nell’editoriale del numero di settembre, il Direttore Paolo Sonnino Sorisio fa alcune considerazioni di fine estate, alla soglia dei Saloni Autunnali dove è confermata la presenza dei maggiori player del settore e l’anteprima di numerose novità per la prossima stagione, un trend positivo confermato dai numeri dichiarati da UCINA e Nautica Italiana.

Anteprima saloni d’autunno

Le novità della nuova stagione. I saloni nautici sono la cartina di tornasole del mercato nautico internazionale. Tra Cannes, Genova e Monaco, anche se quest’ultimo è riservato alla nicchia dei superyacht, senza contare i saloni di Southampton, Istanbul, Barcellona e Amburgo, costruttori e aziende del comparto devono confrontarsi tra loro mostrando le proprie carte in tavola per la nuova stagione, permettendoci di farci un’idea, tra numeri e dichiarazioni reali o presunti tali, sull’andamento economico di questa industria.

Sicurezza in mare

Mai troppa! Alcune tra le tante regole auree da ricordare sempre ma, soprattutto, da applicare fino a trasformarne il rispetto in una normalità comportamentale.

Genova, istruzioni per l’uso

Voglia di vedere, voglia di comprare. Il mercato italiano riparte, il Salone torna a splendere, i brand stranieri – in testa gli inglesi – ricompaiono a Genova, mentre tanti cantieri nazionali ampliano la propria presenza. Mille offerte per tutte le tasche, che vale la pena di cogliere con un approccio informato.

Filosofia, moda o risparmio?

Disloco ergo sum. Fino a qualche anno fa costituivano poco più di una nicchia all’interno di un mercato dominato dagli scafi plananti. Oggi, invece, i cabinati dislocanti fanno parte della gamma proposta dalla maggior parte dei cantieri. Consideriamo le luci e le ombre di questo fenomeno.

I materiali compositi/2a parte

La fibra di carbonio. Siamo abituati ormai a parlare della fibra di carbonio consapevoli delle sue eccellenti qualità strutturali, come se non avesse limitazioni nelle applicazioni. Questo succede perché troppo spesso, anche tra gli addetti ai lavori, si trascura la genesi di come nascono queste fantastiche fibre e dei materiali compositi (MC) che vanno a creare. Focalizziamo l’attenzione quindi sulle tecniche realizzative del singolo filamento, fino a definire i tipi di resine adatte per la realizzazione del manufatto finale, facendo una piccola panoramica sulle prove distruttive e non distruttive.

Anima Hi-Tech

Lo stabilimento Azimut di Avigliana. La costruzione di yacht di lusso richiede efficienza produttiva, tecnologia avanzata, capacità di produrre innovazione. Azimut da decenni finalizza gli investimenti del Gruppo nel settore della ricerca e nello stabilimento di Avigliana ha concentrato un’anima hi-tech, che ne fa un unicum nel panorama cantieristico europeo e ancor di più italiano.

Rio 2016Mezzo vuoto o mezzo pieno?

Che non sia arrivata nessuna medaglia è un fatto, ma è andata bene o male a Rio 2016? Ecco la nostra analisi dei risultati della vela, che non bocciano la gestione FIV di Carlo Croce. Il cui lavoro deve anzi essere portato avanti con ancora più vigure dal successore.

Idrografia, da sempre al servizio del navigante

La nascita della carta nautica. Uno strumento umile, più o meno alla portata di tutti e, in varia misura, impiegata da tutti quelli che vanno per mare. Questo è la Carta Nautica; in essa sono raccolte la maggior parte delle informazioni indispensabili ai naviganti.

Caraibi, l’isola di Anguilla

La tranquillità avvolta nel blu. Spiegge semideserte di morbida sabbia bianca, irresistibili acque turchesi, baie scenografiche, una pletora di isolette di contorno, ritmi rilassati, ottima cucina e brezze leggere. Ad Anguilla – rimasta felicemente defilata rispetto alle altre isole delle Antille – si trova tutto ciò che si può desiderare in un’isola caraibica e molto di più.

Liguria, da La Spezia alle Cinque Terre

Tra cielo e mare. Un golfo amato dai poeti, la solare Portovenere con le splendide isole di Palmaria, Tino e Tinetto e una costa con ripide pareti montuose scolpite a terrazze che scivolano nelle cristalline acque del Mar Ligure insieme ai loro cinque borghi pittoreschi. Un paesaggio unico che si snoda per quindici miglia, perfetto per una crociera “slow” alla scoperta anche di storia, arte ed enogastronomia del territorio.

“Strambate”

In questo numero, Roberto Neglia parla di Andrea Mannini, tecnico e velaio che ha portato all’oro olimpico la squadra croata del 470.

Nella rubrica dedicata allo sport curiosità riguardanti il record dei Malingri, la Palermo-Montecarlo e il Campionato Italiano Dinghy 12’.

Su questo numero di “Nautica” svelati pregi e difetti delle seguenti imbarcazioni:

  • Solaris Yachts 58
  • Monte Carlo Yachts MCY 80
  • Fiart Mare 52
  • Coastal Boats 14
  • OY Botnia Marin Targa 35.

Anche questo mese “Nautica” propone tutte le sue rubriche dedicate alla nautica e ai diportisti. All’interno della rivista, troverete la rubrica “Una barca per tutti” che, oltre ai piccoli annunci, contiene:
– Il Charter
– Scuole e patenti
– Il Consulente
– L’Usato
– Pagine Blu
– Il Broker.

ACQUISTA LA RIVISTA IN FORMATO DIGITALE

Editoriale

TREND POSITIVO

cover-nauticaL’estate è finita. Quest’anno il clima mite ha invogliato i diportisti a solcare i mari in lungo e in largo come non succedeva da molto tempo. I porti e i marina, anche quelli delle mete meno battute, hanno lavorato tanto e in alcuni casi hanno registrato il tutto esaurito.
È tornato il desiderio di mare, di crociera, di barche.
La conferma arriva dai numeri diffusi da Nautica Italiana e Ucina. Mentre scriviamo, infatti, è in pieno svolgimento il Cannes Yachting Festival, il primo appuntamento fieristico dell’anno nautico, durante il quale Nautica Italiana ha presentato il primo studio elaborato da Deloitte e Altagamma, secondo cui il mercato mondiale della nautica di nuove imbarcazioni registra un +12% rispetto al 2014, con l’Italia che si conferma secondo produttore nautico al mondo dopo gli USA. Anche Ucina, come ogni anno, si è fatta elaborare una accurata analisi del mercato italiano, realizzata da Fondazione Edison, che – secondo una anteprima dei dati che saranno divulgati ufficialmente nel corso del Salone di Genova – registra un +17,1% di crescita del fatturato 2015 rispetto al 2014, e conferma il primato dei cantieri italiani in termini di export delle unità da diporto entrobordo.
Il trend, come da mesi “Nautica” continua a ripetere, sta cambiando e il mercato è in ripartenza. Stavolta sono i numeri a dimostrarlo, dati di cui “Nautica” approfondirà dettagliatamente i contenuti all’interno della prossima edizione di novembre.
Nel frattempo godiamoci gli ultimi raggi di sole e i Saloni. Cannes porta con sé buone notizie, a partire dal gran numero di espositori, di “première” mondiali e di un pubblico internazionale interessato. Unica nota stonata, una location che inizia a essere stretta per la grande quantità di cantieri che vogliono partecipare, molti dei quali necessiterebbero di maggiore spazio e visibilità. D’altronde, è difficile far coesistere tutti insieme nel bacino acqueo di Vieux Cannes superyacht, gommoni, imbarcazioni di medie dimensioni, natanti e le numerose vele.
E ora, appuntamento a Genova, dove è stata annunciata la presenza di un gran numero di cantieri internazionali. Peccato per il boicottaggio di alcuni player italiani…
Paolo Sonnino Sorisio

ACQUISTA LA RIVISTA IN FORMATO DIGITALE

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.