Nautica numero 674 di giugno 2018

In copertina

L’Evo 42 rappresenta uno dei migliori esempi di barca-transformer. L’articolo a pagina 62.

 

 

 

 

 

Versilia Yachting Rendez-Vous

Svoltosi dal 10 al 13 maggio scorso, il salone di Viareggio ha mostrato maggiori potenzialità rispetto allo scorso anno, offrendo agli operatori una rosa di convegni e tavole rotonde di alto profilo. Il parere di due importanti esponenti di Nautica Italiana.

 

Il signore in rosso

Il tonno è la preda principe di tutti gli appassionati di big game mediterraneo. All’apertura della stagione della pesca ricreativa, in considerazione delle nuove quote appena emesse dal ministero, nascono spontanee alcune considerazioni.

tonno

Barche transformer

Un tempo, la barca era concepita principalmente come un guscio chiuso e inaccessibile nel quale gli occupanti erano protetti dalla furia del mare. Ora è tempo di transformer.

La plastica nei mari

La plastica sta soffocando i nostri oceani. E quanta di questa plastica finisce poi nel piatto?

La checklist pre-estiva

Con la bella stagione torna la voglia di riprendere il mare. Ma spesso la barca non è pronta. Ecco le principali operazioni per verificarne lo stato ed, eventualmente, farla tornare in efficienza.

Analisi di un brutto scherzo

Corrosione da acqua salata delle parti interne del motore. Un viaggio all’interno di un 50 cavalli entrobordo, guidati dal “mago” della meccanica Enzo Bucciarelli.

Atlantide all’Argentario

È davvero esistita la leggendaria città perduta di Atlantide? Se sì, dove si trova? Ripercorriamo la storia delle ricerche svolte dall’antichità fino agli anni Sessanta.

Croazia, Istria del Sud

La punta meridionale della penisola istriana si protende verso le acque azzurre dell’Adriatico sminuzzandosi in promontori frastagliati, baie di acqua cristallina e decine di meravigliose isolette.

Croazia,-Parco-Naturale-di-LastovoCroazia, Parco Naturale di Lastovo

Rigoglioso bosco adagiato sul mare, Lastovo è l’isola più grande dell’omonimo arcipelago, dichiarato Parco Naturale. Un vero paradiso incontaminato con una sorprendente vocazione culinaria da scoprire in attraenti ristoranti con molo e nel suggestivo capoluogo.

Le prove in mare

  • Canados 808 Maximus
  • Sirena Yachts 64
  • Prestige Yachts 520
  • MV Marine Vesevus 35 FB

L’Editoriale

BUGIE E OMISSIONI

filosofo Baltasar GraciánNel pieno del cosiddetto Siglo de Oro, il secolo del rinascimento spagnolo, il filosofo Baltasar Gracián scriveva: “Qualunque idiota può dire la verità. Ma per mentire ci vuole intelligenza”. È una frase di immediato impatto che, tuttavia, se colta come spunto di una più profonda riflessione, porta a una miriade di considerazioni sull’onestà della parola e, più in generale, sul senso del comunicare.

Per questo motivo ci permettiamo di osservare che sul peso della verità e della menzogna giocano pure l’acume e la capacità di discernimento da parte di chi ascolta. In altre parole, la stessa bugia – ma ciò vale pure per l’imprecisione e per l’omissione – può risultare estremamente grave e dannosa oppure veniale e innocua, a seconda di chi la riceve. Perciò, una persona di normale intelligenza non grida certamente allo scandalo di fronte a una definizione palesemente mendace come “per l’uomo che non deve chiedere mai”, riferita al destinatario di un certo profumo. Noi stessi sorridiamo quasi con tenerezza quando certi uffici stampa ci raccontano che tale cantiere ha venduto dieci barche durante tale salone o che i visitatori di quell’evento sono stati 300.000: ma il migliore servizio che possiamo rendere ai nostri lettori, in mancanza di dati certi, è quello di non farci portavoce di un falso entusiasmo. Ovviamente, esiste un genere di informazioni sul quale non possiamo sorvolare con la stessa disinvoltura.

È il caso, per esempio, del prezzo di listino delle barche “di serie”, che alcuni cantieri, per loro particolari strategie commerciali, vorrebbero tacere negando indirettamente ai nostri lettori una delle loro più lecite curiosità primarie: il sacrosanto “quanto costa?”. Non ce ne vogliano questi signori ma, poiché l’assenza della risposta è per noi un’omissione, preferiamo non pubblicare una prova in mare – magari già eseguita – piuttosto che tradire le aspettative di chi ci legge. Diceva Cesare Pavese: “l’arte di vivere è l’arte di saper credere alle menzogne”. Una frase sicuramente saggia, ma che mal si adatta al tanto vituperato mestiere di giornalista.

Corradino Corbò

Lascia un commento