Charter ad Antigua, l’esclusività della vela

Da sempre Antigua e le sue sorelle, punto d’arrivo dopo la traversata e di raduno prima di tornare, sono state una delle mete più ambite dai velisti di tutto il mondo

L’ESCLUSIVITÀ DELLA VELA

Caraibi, Antigua e Barbuda

Sarà perchè è tra le più vicine al vecchio continente, o perchè con le sue 365 spiagge offre un riparo diverso per ogni giorno dell’anno (per i bisestili ci si può arrangiare), sta di fatto che la tradizionale traversata di inizio stagione, quella che parte sempre, come regola, dalle Canarie, spesso ha come prima meta Antigua. È qui che arrivano certamente tutte le barche con uno skipper inglese, che per tutta la traversata non ha pensato ad altro che all’ormeggio in rada che farà, coscenziosamente ed invariabilmente a vela, sotto l’occhio critico dei suoi amici che sono arrivati prima di lui ed a cui si unirà per criticare i nuovi arrivi. Una specie di circolo, un appello annuale a cui è indispensabile essere presenti. Solo la partecipazione ad una navigazione più lontana, opportunamente documentata da messaggi lanciati nell’etere e saltuariamente raccolti dagli amici può giustificare l’assenza.

Insomma Antigua è praticamente la sede naturale del club degli atlantici, non a caso Peter de Savary, l’eccentrico miliardario patron della sfida inglese alla Coppa America 1983, quella di “Azzurra” per intenderci, l’ha scelta come sede dell’esclusivissima seconda sede del St. James’s Club. Del resto non si può neanche dimenticare che le numerose baie, formate da ciò che resta dei crateri dei vulcani, circondate dalla barriera corallina e accessoriate di sabbia invariabilmente bianca e palme da cocco, offrono la giusta base per quella che è considerata la più importante regata dei Caraibi.

Solitamente fissata per i primi giorni di maggio, la settimana di Antigua è un vero e proprio festival della vela e dei giochi acquatici. Un modo di riunirsi tutti nella stessa località, per raccontarsi le storie della stagione terminata e per darsi appuntamento dall’altra parte, solitamente in Mediterraneo.

Insomma Antigua, scoperta da Cristoforo Colombo nel suo secondo viaggio e così battezzata in onore di Santa Maria de Antigua, come la cattedrale di Siviglia dove il navigatore aveva pregato qualche giorno prima di partire, ha sempre avuto un posto predominante nella storia dei Caraibi. La rese famosissima Horatio Nelson, che ne fece una base della Reale Marina Britannica e che la rese definitivamente dominio inglese, come lo è stata fino al 1981, quando ottenne l’idipendenza.

Grande come tutte le isole dell’arcipelago toscano, fa stato a sé con la vicina Barbuda, che dista una trentina di miglia e con Redonda, uno scoglio di un paio di chilometri quadrati distantre quindici miglia. St. John’s, la capitale è da visitare il sabato mattina in occasione del mercato , ma ciò di cui non si può certamente fare a meno èuna visita ad English Harbour, vicino Falmouth, che rappresenta una delle baie più sicure della zona, certamente adatta a sostenere l’impeto degli uragani estivi. Qui era il quartier generale di Nelson, qui molto probabilmente approderete proveniendo dal mare. Gli arsenali e la veleria del Nelson’s Dockyard, sono stati completamente restaurati e contengono un simpatico museo e qualche negozio di souvenir. Barbuda invece è una piattaforma corallina lunga 24 chilometri e larga otto, circondata da acque limpide e pescosisime in cui si immergono le candide spiagge che la circondano. Da non perdere il santuario ornitologico di WàOmoni Beach Parch, nella zona della palude, dove le fregate ed i pellicani si addensano incedibilmente, per alzarsi in volo all’avvicinarsi dei visitatori. Le fregate specialmente, con il loro tipico gozzo rosso della parata nunziale, sono molto particolari e copletamente disinibite nei confronti del visitatore.

Volendo allargare il tour alle isole sottovento da non perdere è Montserrat, una specie di Irlanda tropicale, così come la videro i primi visitatori, dopop Colombo, che arrivavno proprio dall’irlanda che la soprannominarono subito l’isola di smeraldo. E smeraldo sembra proprio, con le scoscese pareti del Chanchès Peak contornato dalle solfatare del vulcano attivo. Unica concessione alla civiltà occidentale, la moderna sala di incisione costruita da George Martin, l’impresario dei Beatles, in cui vanno ad incidere molti divi amanti della zona. Plymouth, la capitale è una delle più ridenti cittadine dei Caraibi e di qui si può partire alla scoperta del Bird Sanctuary o della Great Alps Waterfall, una cascata di una ventina di metri. In barca si arriva invece alle spiagge più belle: la Fox e la Rendezvous Bay.

Per chi voglia invece un momento di solitudine più riservato, farebbe bene a raggiungere Anguilla, così battezzata dal solito Colombo, per la somiglianza con l’animale. È la più settentrionale delle isole sottovento, alta sul mare al massimo una settantina di metri, è in effetti una immensa spiaggia, circondata da acque straordinarie. Vicino c’è l’soletta di Sandy Island, solo palme e sabbia Prickly Pear Cay popolata di molte forme di uccelli marini. Sembrano invece due sorelle aristocratiche St. Kitts e Nevis che insieme, viste dall’alto sembrano un punto esclamativo. La prma, molto montuosa, dominata dal vulcano Misery, di 1155 metri, è dedicata alle piantagioni di canna da zucchero. La capitale, Basseterre, apparteneva alla zona francese, gli inglesi si erano stabiliti più verso nord. Comunque le due colonie riuscirono a scacciare gli indigeni e a convivere fino a quando dei loro rapporti non si ocuparono i rispettivi governi che si contesero l’isola a cannonate per ben due secoli. Alla fine prevalsero gli inglesi, ma spostarono la loro capitale da Old Road Town, a quella attuale. Da non perdere il lago nel cratere del monte Verchilds. È proprioun monte che spunta dal mare Nevis, con la punta perennemente incappucciata dalle nuvole. Questa è stata sempre inglese che ne fecero un rinomato posto di villeggiatura, in funzione anche delle acque termali che l’arricchiscono. Il villaggio termale di Bath rappresenta ancora oggi una meta da non perdere.

Quale che sia l’itinerario, quel che è certo è che le isole sottovento, rispetto alle altre isole caraibiche hanno a volte matenuto alcune caratteristiche che le altre hanno immolato all’inflazionato turismo. Una zona più vera di un arcipelago, che rimane pur sempre una delle più interessanti palestre per il charter invernale, grazie al clima tropicale, alla bellezza delle acque ed alla presenza del costante aliseo.

Catamaran Center

Filavia Sail

Forzatre Charter

7 Seas Accademia del Mare Baraldi & C. Admiral – Yacht Charter Albatros Albatros Rimini Srl Albatross Srl Alisei Srl All Services Srl Arawak Sailing Club Area Charter Armstrong Global Avra Sailing Baraldi Blue Marine Yachting BtoSail Burin YC Charter & Charter Charterando Charterpesca Club del Mare CNI Europa Compagnia degli Skippers Oceanici Crociera Totale srl Cuccia Pietro Yacht Broker Dreamsailing Easy Vela Equinoxe Viaggi Equinoxe Viaggi Eritros Srl Fasulo Marco Italia Fenikia International Feram Yachting ForSailing Full Sail Srl I.B.T. Skipper Charter Il Nadir Yacht & Travel Intercharter International Mackenzie Layline M-Yachts Maratticus Marenauta D.O.O. Marozzini Travel Med One Media Ship Charter Mondovela Srl Nautica Charter Srl Navalia Srl Navigare Srl Nel Blu Oceano Vela & Civitavecchia Mare Oltremare Onda e Vento Orizzontiblu Orza Charter Ottonodi Progetto Mare c/o Viaggi Dove Rigo Yachts International Sail Italia Srl Sailing Days Sea Charter Viaggi e Vacanze Sea Land Yacht Charter Snc Sottoraffica S.r.l. South Seas & Tuttomare SP Yachts Tamanj Jua Planet Nautica The Floating Village Utopia Vela Club Venezia Velamare Charter Vele Blu Viacolvento Broker & Charter Viacolvento di Barbato Nicola West Coast International Windlife Srl Yachting 77 Srl Zefiro Yacht Charter

Noleggio barche e yacht charter – Antigua

Yacht charter e noleggio barche per altre destinazioni

Stampa il modulo di aggiornamento delle informazioni

Inserisci la tua agenzia tra gli inserzionisti

Totale agenzie operanti nell’area: 80

sull'autore

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.