Charter alle Galapagos, le isole di Darwin

Le isole incantate, come le chiamavano i marinai di un tempo che stentavano spesso a localizzarle, credendole addirittura alla deriva per il Pacifico, prendono il loro attuale nome dalle tartarughe che le popolano

LE ISOLE DI DARWIN

Situate a ovest dell’Ecuador, stato al quale appartengono politicamente, ad un migliaio di chilometri dal continente americano, le isole di origine vulcanica delle Galapagos sono rimaste per molto tempo inesplorate, mentre adesso sono note in tutto il mondo per le loro bellezze naturali. Ormai le loro spiagge sono state aperte al turismo e i particolari animali che le popolano, devono accettare la compagnia dell’uomo. Le tartarughe, da cui le isole prendono il nome insieme a molti altri animali come iguane, pinguini e cormorani, costituiscono una caratteristica peculiare dell’arcipelago e formano un patrimonio inestimabile per la zoologia mondiale. In epoche lontane tutte queste specie animali sono state trasportate sui detriti dalle correnti ed hanno poi subito mutazioni diverse. Ed è qui infatti che Charles Darwin cominciò, osservando le specie animali presenti, ad elaborare la sua teoria sull’evoluzione. Qui era naturalmente facilitato dalla assenza di razze simili e poteva quindi risalire, senza errori, ai progenitori degli attuali esemplari. A Puerto Ayora c’è la stazione di Darwin e un piccolo museo dove la sua memoria è ancora viva e dove la sua teoria viene elementarmente spiegata. Ogni isola ha la sua caratteristica e la sua specie animale predominante. Dal punto di vista della navigazione, le Galapagos offrono moltissime possibilità di crociera poiché sono innumerevoli le barche presenti in loco e noleggiabili.

Le isole si raggiungono con l’aereo proveniente da Quito, capitale dell’Ecuador, che atterra all’aeroporto di Puerto Barquerizo Moreno, sull’isola di San Cristobal. Da qui la prima meta che si raggiunge in barca è Santa Fe, dove tra i cactus giganti vive l’iguana terrestre ed in acqua si viene circondati dai leoni marini. Questi sono gli animali più caratteristici e simpatici: ovunque ci si immerga essi ci vengono incontro scherzosi e pronti a giocare e la sera, quando tornano a riva, li si vede surfare verso la spiaggia. Arrivando all’isola di San Salvador o a San Bartolomé, ci si trova di fronte ad un paesaggio lunare. La spiaggia mostra, al mattino, le orme delle tartarughe marine che di notte hanno deposto le uova.

Un altro isolotto da visitare è quello di Cousin, dove ci si immerge circondati da immensi branchi di castagnole. James Bay, sul lato opposto, è interessante per la abitatissima zona di marea. L’isola di Jervis è invece la dimora preferita dai pellicani che si tuffano continuamente in mare per pescare.

L’isola di Floreana è nota invece per una usanza perpetrata da secoli: si tratta di un barile che ha la funzione di cassetta postale, dove i balenieri lasciavano la posta destinata all’isola e ritiravano la posta per le altre destinazioni.

I fenicotteri si possono incontrare un po’ dappertutto ma uno dei migliori punti d’osservazione è Punta Suerez, nell’isola di Espanola. Qui si vive in mezzo ad un paradiso popolato da sule dai piedi blu, albatros e gabbiani dalla coda di rondine. Le otarie si incontrano prevalentemente nell’isola di Seymour dove vivono libere e indisturbate. Si incontrano anche numerose colonie di fregate, con i maschi in amore che mostrano il loro gozzo rubizzo. Le Galapagos sono una meta ben collegata, facilmente raggiungibile da Quito: senza necessità di visti o di vaccinazioni, è sufficiente pagare una tassa d’entrata e vi si gode un buon clima mite, benché situate all’altezza dell’equatore, grazie all’influenza di correnti oceaniche che ne rinfrescano sufficientemente le coste.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.