Charter in Puglia, i mille colori del Tacco dello Stivale

Navigazioni lungo coste ricche di storia, di tradizioni culinarie e con un mare limpidissimo, questo è ciò che offre la Puglia

I MILLE COLORI
DEL TACCO DELLO STIVALE

Puglia-Tremiti

La costa pugliese si estende per circa 300 miglia, lungo le quali offre ogni tipo di paesaggio: spiagge, ma anche verdeggianti pinete in prossimità delle foci dei fiumi, coste basse e alte scogliere, saline e soprattutto affascinanti grotte naturali. Gli approdi spesso non sono paragonabili con i più attrezzati marina di altre località con maggior tradizione diportistica, ma sono comunque in grado di assicurare una navigazione sicura e comoda. Il mare, soprattutto nel Salento, ha un colore e una limpidezza senza confronti ed è ancora molto pescoso. La navigazione è un ottimo modo per ammirare da una prospettiva unica tutta la regione: il litorale è un continuo variare di scenari, caratterizzato da torri d’avvistamento saracene e trabucchi, le antiche e straordinarie impalcature per la pesca da terra.

Puglia Se si salpa da Taranto (gli approdi nella città dei due mari sono facili e completi di servizi di ogni genere), si costeggia verso sud-est, dove la costa è molto frastagliata, bassa e rocciosa con diverse calette. Continuando per SE, si arriva a Porto Cesareo, affascinante centro peschereccio posizionato su di un istmo al centro di due ampie lagune, che offre un approdo con 300 posti barca di lunghezza fino ai 18 metri. Dopo aver navigato lunga la zona naturalistica protetta di Porto Selvaggio, con pareti a strapiombo sul mare color blu notte, si raggiunge Gallipoli, che offre un’ampia e bella baia, con rive sabbiose e chiusa a SE da Punta Pizzo. Continuando la navigazione verso sud, si giunge a Santa Maria di Leuca, estremo lembo sud-orientale d’Italia e base ideale per trasferimenti in Grecia, visto che ne dista solo 48 miglia. Lungo le coste rocciose si aprono numerose grotte naturali, alcune delle quali di grande interesse preistorico. Scapolato il Capo di Santa Maria di Leuca, si riprende a salire sulla costa bagnata, questa volta, dal Mar Adriatico, scoscesa, varia nella vegetazione, con anse ed esotiche grotte, calanchi e piccoli splendidi paesini, come Trifase e Castro, costruiti a picco sul mare. Da non perdere le famose Grotte della Zinzulusa, dove il mare s’incunea all’interno. Superate le grotte, inizia la zona balneare delle terre di Santa Cesarea, attrezzata stazione idrotermale, con sorgenti sulfuree sgorganti in quattro grotte sul mare. Il paese è situato su un ripiano della scogliera a strapiombo, con pittoreschi archi costieri intagliati nella roccia tufacea. Navigando da Castro verso nord, si superano cale, quali porto Miggiano e porto Badisco, e si giunge a Otranto, la punta più ad Est d’Italia. Il suo porto, ampio, ma poco profondo, è capolinea di una linea-traghetto con la Grecia. Continuando a navigare, si oltrepassano le località di Torre dell’Orso e Roca Vecchia, con i ruderi del castello sulla scogliera, fino a raggiungere Brindisi, ottimo porto naturale, ben protetto da un gruppo di piccole isole e comunicante col mare esterno attraverso il canale Pigonati.

Puglia Da Brindisi sarà possibile visitare, con un mini bus, Ostuni, la “città bianca”, per il colore caratteristico delle sue case, e Lecce, la capitale del barocco, con i suoi innumerevoli monumenti e il caratteristico centro storico. Lasciando Brindisi alle spalle, si risale ancora sulla costa per arrivare al confine nord della cosiddetta Terra d’Otranto; da qui si entra nella zona delle Terre di Bari o delle Cattedrali, con coste con ripide baie e affascinanti grotte. Oltre Villanova di Ostuni e Savelletri, troviamo Monopoli, con un centro storico interessante da visitare. Si giunge infine a Bari, città e grande porto sull’Adriatico che offre il giusto connubio tra limpide acque, spiagge bellissime e un patrimonio storico e artistico estremamente ampio. Superata Giovinazzo, si incontra Molfetta, con il più importante porto peschereccio della Puglia, che vanta un mercato del pesce fra i maggiori d’Italia. Dopo Bisceglie, a sud est della foce dell’Ofanto, con il piccolo porto e stazione balneare di Cala Rossa, ecco Trani con buon porto naturale, Barletta, con un centro storico interessante e un attivo porto peschereccio, e Manfredonia. Ma la costa più bella è sicuramente quella dopo Manfredonia: quando si comincia a fare il periplo del promontorio si incontrano splendidi paesaggi sotto le alte coste biancheggianti e incantevoli paesini sulle alte coste rocciose.

Tra i luoghi più affascinanti della costa, consigliamo di visitare Mattinata, Vieste (sulla costa orientale del Gargano, paese di pescatori e industria dei prodotti ittici), Peschici (su un promontorio del versante settentrionale del Gargano, frequentata stazione balneare, con collegamenti per le isole Tremiti) e Rodi Garganico, sulla costa settentrionale del promontorio del Gargano, stazione balneare e porto peschereccio, ha aspetto caratteristico, con case imbiancate a calce e stradine strette e r ipide. Continuando il percorso verso nord, una tappa obbligata è certamente Lesina, con la sua splendida laguna che si ricollega al mare per mezzo di due grandi canali. Di forma allungata, ha una superficie di 51,4 kmq e un perimetro di 50 km. La profondità è scarsissima, massimo 2 metri. Comunica con il mare mediante tre canali che tagliano il cordone litoraneo (detto Isola). È utilizzato per la pesca soprattutto di anguille).

Dodici miglia circa a nord della costa settentrionale del Gargano, ci sono le isole Tremiti, con coste ripide e rocciose, con pittoresche frastagliate scogliere, aperte da calette e da grotte pittoresche come grotta delle Viole e grotta del Bue Marino. Tre le isole maggiori: San Nicola, San Domino e Capraia, oltre a Cretaccio e Pianosa. Dal 1989 riserva naturale marina, le isole si estendono di fronte al lago di Lesina e a 32 miglia dal porto di Vieste, formando un arcipelago dalla natura incontaminata, con uno degli habitat naturali più belli dell’intero Mediterraneo, dalla splendida acqua cristallina, dove potrete navigare con barche a noleggio. Prima di salpare, se non siete accompagnati da uno skipper, dovete informarvi sulla regolamentazione del parco, perché nella zona A, di riserva integrale, limitata all’isola di Pianosa, è vietata la pesca, la navigazione e la balneazione. San Domino è l’isola più grande dell’arcipelago, con coste frastagliate che formano una serie di insenature, cale, archi e grotte di grande bellezza. Nella parte nord est dell’isola, si può ancorare a Cala degli Schiavoni, protetta a Nord da un braccio di massi di circa 80 metri e composta da un tratto di riva banchinato per circa 90 metri e da uno scalo di alaggio. Seconda per estensione è l’isola di San Nicola, il cui porticciolo è situato all’estremo sud ovest dell’isola. L’isola di Capraia, che si trova a nord di San Nicola, ha coste rocciose; a ponente Cala Sorrentina e Cala dei Turchi offrono ridosso dai venti del 2° quadrante. Infine, l’isola di Pianosa, bassa e rocciosa, ha fondali a picco sulla costa nord, mentre lungo la costa sud presenta una secca che arriva fino a 100 metri verso il largo.

L’agenzia pugliese di charter Ventofresco con sede a Grottaglie (Taranto), grazie alla posizione strategiche delle sue basi nautiche di Taranto, Brindisi, Gallipoli e Santa Maria di Leuca, propone interessanti crociere a vela in tutta la Puglia, con itinerari personalizzabili a seconda delle esigenze del cliente. La flotta è composta da due catamarani comodi e lussuosi, il Lagoon 380 e il Privilege 465, condotti da skipper altamente professionali e profondi conoscitori dei luoghi da visitare. Fra i monoscafi della flotta della Ventofresco, citiamo il Cyclades 43.4, del 2008, con 4 cabine doppie, 2 bagni e dinette trasformabile e il First 27.7, unità a vela con 2 cabine e un bagno, che gode del vantaggio di essere noleggiato anche senza patente, in quanto natante.

L’agenzia Forzatre di Lavagna (GE) noleggia “Silver Star”, un ketch di 25 metri, ideale per 8 ospiti in 4 cabine doppie di cui 2 matrimoniali, oltre a 3 persone di equipaggio. Due generatori da 17 kW, aria condizionata, TV satellitare in salone e in tutte le cabine, telefono cellulare, tender di 4,20 metri con fuoribordo da 50 HP, sci d’acqua, canoe, attrezzatura snorkeling e pesca, assicurano il massimo del comfort.

L’agenzia West Coast International propone, nello Ionio, un caicco/motorsailer lungo 25 metri, in grado di ospitare fino a 12 ospiti in 6 cabine, di cui 4 con letti matrimoniali e 2 con letti singoli, tutte con servizio privato con vasca e box doccia. Il caicco è dotato di aria condizionata, generatore 2×25 kW, dissalatori, attrezzatura per lo svago come tender con fuoribordo 40 HP, sci d’acqua, canoa, attrezzatura snorkeling, immersione e pesca, TV, radio-CD e lettore DVD in tutte le cabine.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.