Charter in Turchia, esotico Mediterraneo

La costa mediterranea della Turchia, distante dalle rotte di tutti e con un ottimo clima anche nelle stagioni medie, è diventata il sogno raggiungibile dei nautici italiani

ESOTICO MEDITERRANEO

Turchia

La zona in cui l’oriente si incontra con l’occidente è sempre stata centro di civiltà e di cultura, questo e tante bellezze naturali offre la costa turca. Disseminata di penisole, con baie e insenature, lambita da acque limpide che si insinuano tra le rocce, rendendo indimenticabile tutto il litorale, affascina il turista, ancor meglio se navigante. L’ospitalità della popolazione fa poi il resto, abbinandosi alla dolcezza del clima ed alla disponibilità dei venti, sempre costantemente lievi, ma presenti e disponibili.

Se si dispone di una barca propria è ragionevolmente attendibile l’ipotesi di lasciare la barca sul posto per un inverno e tornare di nuovo la stagione successiva. È però molto più semplice noleggiare sul posto, dove tra barche a vela, caicchi e yacht a motore, la disponibilità, purché acquisita tramite un broker di fiducia, é elevata.

Turchia Tre sono comunque i principali itinerari da mettere in conto, non potendo usufruire di un tempo sufficiente a visitare tutta la zona. Si parte da Bodrum, l’antica Alicarnasso, che della zona è un pò il centro, dirigendo verso Knidos, per poi raggiugere le splendide coste di Cati. La seconda notte è obbligatorio passarla nell’English Arbour, dove si pernotta alla fonda e dove si mangiano i prodotti della pesca dei locali, sempre pronti ad offrirli ai turisti. La pace della baia, con l’indimenticabile profumo delle abbondanti cipolle del condimento, saranno un piacevole ricordo una volta arrivati a Marmaris, la vera Saint Tropez della zona, con i suoi locali ambientati nella cittadella fortificata, che ha mantenuto intatto il suo fascino, con i suoi mercati brulicanti di personaggi variopinti, sempre pronti a mercanteggiare. Dominata dal castello di Solimano, Marmaris rappresenta l’estrema propagine dell’Egeo che è diviso dal resto del Mediterraneo dalla vicina penisola di Datca, con le sue rovine ed il suo teatro.

Turchia Secondo itinerario per la tappa successiva diretta a Ekincik, dove c’é da risalire, con le barche a fondo piatto, il fiume Dalyan, dove sorge un villaggio famoso per le spigole che vengono cucinate nei suoi ristoranti. In zona c’é anche Kaunos, con le rovine del suo tempio, del suo teatro e delle sue terme. Si procede quindi verso Manastir e Fethiye, costeggiando l’isola di Baba Adasi, con visita alla piramide bizantina, prima di spingersi verso l’arcipelago di Gocek al centro della baia di Skopea. Qui aleggia lo spirito di Cleopatra che veniva alle terme per imergersi nelle acque che ancora oggi sgorgano dalla roccia. La cittadina invece è molto attiva con un moderno marina dove conviene fare provviste. La parte più bella è forse la laguna di Olu Deniz, con la sua sabbia candida ed i pini che la sovrastano. Ma il pernottamento è meglio farlo al riparo dell’isolotto di Geminel, dalle antiche tradizioni marinare, con rovine bizantine e ristoranti famosi per la loro cucina specializzata in piatti di pesce. Passato Capo Burunlar, si raggiunge Kalkaan e poi Kas, dove è meglio ormeggiare nell’insenatura di Polemos, dove i venti più insidiosi non arrivano. I pirati turchi, per non farsi catturare dalle flotte cristiane si nascondevano nel fiordo dell’isola di Kekova, dove c’é anche il piccolo golfo di Tersane, famoso per la spiaggia con i resti di una città semisommersa.

Il terzo itinerario parte invece da Kemer. Di qui si dirige verso Adrasan, sostando prima nel porto di Geneviz. Da qui, senza fare navigazioni troppo lunghe si possono raggiungere le località di Finike e Kekova con le sue splendide rovine.

Con la libertà di poter scegliere anche uno spazioso e tipico caicco per la crociera, sono molteplici le variabili dei prezzi, tutti comunque abbastanza contenuti, specie se si ha la facoltà di scegliere un periodo al difuori dell’altissima stagione, tra l’altro certamente non la migliore dal punto di vista climatico. Giugno e settembre sono i mesi ideali, ma anche maggio ed ottobre permettono splendide navigazioni e quindi splendide vacanze.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.