Charter whale watching, binocolo alla mano

L’avvistamento dei cetacei in mare è uno spettacolo unico e provoca in chiunque vi assista una forte e intensa emozione

BINOCOLO ALLA MANO

Whale Watching

Nei nostri mari, l’osservazione dei cetacei, o whale watching, si effettua prevalentemente nell’Alto Mar Tirreno, precisamente in Liguria, dove le balene sono stanziali e negli ultimi anni sempre più numerose e si possono avvistare soprattutto durante il periodo estivo. Si nutrono, giocano e si riproducono nelle acque comprese nel triangolo fra Capo Corso, le isole Baleari e la Costa Azzurra. Prima si pensava che vi si recassero solo durante l’estate, ma recentemente alcuni ricercatori hanno captato e registrato, con apposite apparecchiature, nelle alte profondità del Mar Ligure, i canti delle balenottere anche durante la stagione invernale. Ciò dimostra che la presenza di questi cetacei non è collegata alle migrazioni estive ma che essi nuotano costantemente in questo mare.

Whale Watching I più fortunati non hanno bisogno di aspettare molto: capita infatti, sempre più frequentemente, di avvistare i cetacei dalla riva o di imbattersi casualmente, durante una crociera, in qualche famiglia di balenottere, che per lunghezza, sono seconde solo a quelle azzurre. Succede che ci si ritrova improvvisamente di fronte ad una soffiata o ad una groppa che luccica al sole. Armatevi allora velocemente di un binocolo, che non dovrebbe mai mancare su una barca, ma anche di una macchina fotografica o videocamera e godetevi questa magnifica visione che suscita in tutti una forte emozione. Sono i bambini, di solito, coloro che più apprezzano gli spettacoli legati al mondo degli animali, ma anche gli adulti in queste occasioni non rimangono indifferenti di fronte ad uno spettacolo così coinvolgente ed appassionante.

Whale Watching Oltre all’avvistamento casuale, in alternativa, ci si può far portare dagli esperti nella zona più probabile di avvistamento, e iniziare lunghi turni di osservazione a 360°, che a volte si protraggono anche per tutta la giornata e che richiedono una buona dose di pazienza. Se, quindi, avete la fortuna di trovarvi di fronte a un simile spettacolo, bisogna mantenere il motore della barca a un regime costante di giri per non spaventare l’animale e mantenere una rotta tale da non rischiare di entrare in collisione con lo stesso. A questo punto, è determinante la volontà della balena che, se non è ben disposta verso di voi, fila via ad una velocità che può raggiungere i 20 nodi, oppure si inabissa e scompare. Se siete però accompagnati da un equipaggio che ha alle spalle un buona esperienza nel campo del whale watching, la maggior parte delle volte il cetaceo si lascia raggiungere e inizia la fase di individuazione e riconoscimento in base alle caratteristiche dell’animale. La pinna caudale, ad esempio, che può avere le forme più disparate, macchie e cicatrici sull’epidermide e la forma della mascella sono i fattori di riconoscimento necessari per la catalogazione degli animali.

In Mediterraneo, il charter whale watching, cioè il noleggio di imbarcazioni organizzato, associato all’osservazione dei cetacei, non è ancora molto diffuso. Certe volte ci si può affidare all’esperienza e all’iniziativa personale dello skipper della nostra barca a noleggio che, di sua spontanea volontà, ci propone di portarci sui luoghi più probabili per l’avvistamento. Ma la situazione ideale è quando si riesce ad avere a bordo la presenza di un biologo marino che ci fornisce informazioni dettagliate sulla vita e sulle abitudini dei cetacei. Così si ha l’opportunità di apprendere nuove nozioni di natura scientifica. Quando si va in crociera naturalistica con istituti organizzati, fra gli altri citiamo l’Istituto Thetis, le balene, oltre che fotografate, sempre dal lato di dritta per meglio cogliere le caratteristiche della mascella, vengono studiate cercando di stabilirne la lunghezza e il peso. Si passa quindi alla fase medica. Con l’ausilio di una balestra si tira nella cute della balena un cucchiaino galleggiante che asporta, senza che l’animale se ne accorga, una piccola porzione di pelle, circa 1 centimetro quadrato, che viene subito messa sotto azoto liquido per la conservazione fino al luogo in cui verrà analizzato in laboratorio.

Molto importante è anche lo studio del comportamento della balena, la rotta che segue, i tempi di immersione e di emersione, si cronometra anche il tempo che intercorre tra una soffiata e l’altra.

Orza Minore (tel. 039 328301, sito internet www.orzaminore.it) in collaborazione con Universo Acqua, società che si occupa di educazione ambientale e di conservazione del mare, organizza da anni Crociere Naturalistiche e Week End in barca a vela sui mari italiani. La barca utilizzata “Nisida”, un cabinato di 16 metri, ha un equipaggio composto dallo skipper e una biologa.

Le “Crociere Naturalistiche” della durata di una o più settimane si svolgono durante i mesi di giugno, luglio e settembre, diversi i porti d’imbarco e sbarco in Liguria, Costa Azzurra, Sardegna e in Sicilia, ogni settimana itinerari diversi con una percorrenza media settimanale di circa 120 miglia. Tra le isole e gli arcipelaghi più belli del Mare Nostrum: alla scoperta delle realtà locali e della colorata fauna dei fondali marini attraverso snorkeling, immersioni e avvistamenti di cetacei e tartarughe, veleggiando nel silenzio e nel blu del mare. Le nostre crociere naturalistiche vi porteranno alla scoperta dei luoghi più belli ed interessanti del Mediterraneo: le piccole isole, gli incantevoli paesi di mare, le insenature più blu dove fare il bagno e lo snorkeling, le veleggiate in mare aperto e le traversate notturne sotto il cielo stellato.

I “Week End di Avvistamento Cetacei” da Portovenere (SP) sono delle mini crociere tra la costa e il mare aperto, con i binocoli pronti a scrutare il mare. I partecipanti, attraverso l’uso di schede di osservazione, collaboreranno al progetto di monitoraggio “Onde dal mare” promosso dalla Fondazione Cetacea di Riccione. Durante la navigazione è prevista una lezione sulla biologia dei cetacei e sulle tecniche di avvistamento, tenuta da una biologa di Universo Acqua. Per i neofiti sarà possibile prendere confidenza con la navigazione a vela.

Nautica Charter di Torino (tel. 011 4343241) propone due imbarcazioni che praticano whale watching: la prima è un Vagabond 41 armato a ketch, lungo 13 metri, con 3 cabine e 2 bagni, e quindi tutti i confort e ha come base di imbarco Portoferraio; con la seconda, di base ad Andora (SV), un Sun Odyssey 40, lungo 12 metri, con 2 cabine, si possono effettuare sia uscite giornaliere fino al Parco Marino della Gallinara che noleggi per un periodo più lungo.

Le proposte di whale watching nei nostri mari non sono molto numerose ed è certamente un’attività che, seppure praticabile soprattutto nel Tirreno e non nell’Adriatico, potrà nel futuro avere ulteriori sviluppi specie per la grande quantità di esemplari e di specie osservabili, che oltre alle balenottere comprendono: molte varietà di delfini, dai tursiopi alle stenelle, grampi, globicefali, alcune specie di orca ed i mastodontici capodogli, i cugini scuri di Moby Dick.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.