Croazia – I Caraibi dell’Adriatico

Isole della Croazia
Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Un piacevole clima mediterraneo, una costa incantevole che supera abbondantemente i 1700 chilometri e 1244 lembi di terra tra isole, isolette e scogli immersi nell’acqua azzurra e cristallina dell’Adriatico.

Con queste premesse la Croazia non poteva che classificarsi ai primi posti tra le mete scelte ogni anno dai diportisti, i quali possono disporre di 60 marina attrezzati oltre a una pletora di baie dove dare fondo all’ancora perlopiù nei pressi di affascinanti cittadine costiere ricche di monumenti storici e di ristorantini dove gustare deliziose specialità enogastronomiche.

Istria e Quarnero

Tra le località più amate dai diportisti figura senza dubbio l’Istria, con Parenzo, dove visitare la Basilica Eufrasiana del V secolo (protetta dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità), lo splendido Parco Nazionale dell’Arcipelago di Briuni a sole 12 miglia dalla bellissima città rivierasca di Rovigno, e Pola, che vanta la celebre Arena, anfiteatro romano del I sec. che oggi ospita eventi culturali.

Dall’Istria si passa alle isole del Quarnero, che iniziano con Cres (Cherso), vero e proprio must per gli amanti della natura dove vengono organizzate regate veliche di livello nazionale e internazionale. Accanto c’è Krk, la maggiore isola dell’Adriatico, dal clima dolce e la vegetazione rigogliosa, culla del glagolitico (l’antica scrittura croata), nota per le Bandiere blu che sventolano sulle sue spiagge a Krk città, Malinska, Njivice, Vrbnik Silo e Punat.

Poco più a sud c’è la pittoresca Rab (Arbe), che gli antichi romani chiamavano felix Arba, in cui convivono armoniosamente il paesaggio tutto scogli aguzzi del versante orientale con le spiagge e i boschi di quello occidentale dove si trovano la città portuale di Rab e gli idilliaci paesini di Lopar, Mundanije, Supetarska Draga, Kampor, Barbat e Banjol – e dove è possibile assaggiare la famosa Torta di Rab che fu creata in occasione della visita del papa Alessandro III sull’isola.

Poi si passa a Losinj (Lussino), il cui clima salubre e l’aria purissima l’hanno resa meta stata di tante teste coronate in cerca della salute alla fine del 1800, mentre la ricchezza della sua vita culturale è testimoniata dall’Apoxyómenos, una preziosa scultura bronzea raffigurante un atleta greco ripescata in queste acque dove è facile incontrare i delfini.

La Dalmazia settentrionale

La Dalmazia settentrionale, che si estende tra il Golfo del Quarnero e Spalato – vanta storiche città costiere dotate di porti turistici, quali ZaraSibenik e  Trogir,  più bellissime isole come  Pag, dove si trova Novalja con l’animata spiaggia di Zrce, meta preferita dai giovani, Uglijan e Pasman, vicina all’isoletta di Galesnjak, a forma di cuore e con 2 chilometri di spiaggia. Menzione a parte meritano sia Dugi otok (Isola Lunga) con il Parco naturale Telascica, la pittoresca baia Pantera, amatissima dai diportisti, e la sabbiosa spiaggia di Sakarun, una delle più belle del mondo, sia l’arcipelago delle Isole Kornati, labirinto di isolotti con baie accoglienti e scogliere mozzafiato in gran parte protetto nell’omonimo Parco nazionale.

La Dalmazia centrale

Il territorio di Spalato – seconda città della Croazia dove il must è la visita al Palazzo di Diocleziano, inserito dall’Unesco nella lista del Patrimonio mondiale dell’Umanità – è l’emblema della bellezza dell’Adriatico croato. Si può navigare lungo la costa tra Capo Ploce e la foce del fiume Narenta (Neretva) e tra le isole Drvenik Veli e Mali, Solta, Brac, Hvar, Scedro, Vis e Bisevo, isole diverse, ognuna con le sue caratteristiche linguistiche enologiche e culturali, ma tutte accomunate dal denominatore comune di una bellezza senza pari e una esaustiva quantità di marina, rive e baie.

A Brac (Brazza), si trova la spiaggia più fotografata dell’arcipelago croato, Zlatni Rat (Punta d’oro), il suggestivo monastero di Blaca e una collana di splendide baie che fanno capo a borghi pittoreschi come Milna, Postira, Pucisca e Sumartin.

Hvar (Lesina) è l’isola più lunga del Mar Adriatico. Soleggiata, ricca di vigneti, oliveti e campi di lavanda, la vita ferve nell’omonima splendida città di stampo veneziano che abbraccia il suo trafficato porto riparato dall’arcipelago delle Isole Pakleni, un vero paradiso ricco di baie cristalline dove dar fondo.

La più lontana è Vis (Lissa), poco mondana, al contrario di Hvar, che offre due antiche cittadine dotate di Rive accoglienti, Vis e Komiza, deliziose baie come la celebre Stiniva, con spiaggetta di ghiaia nascosta dietro due scogliere, e isolette come Ravnik che vanta la particolare Grotta Verde poco lontana dall’isola di Bisevo, famosa per la sua Grotta Azzurra.

 

 

La Dalmazia meridionale

Da Spalato al confine con il Montenegro, passando per la celeberrima Dubrovnik, si estende la Dalmazia meridionale che ha molto da offrire ai naviganti. Vi sono sono allocate 3 isole e il piccolo arcipelago delle Elafiti. La prima da nord è Korcula, che, ricca di boschi e vigneti, si estende parallelamente alla vicina terraferma in direzione est-ovest. Il suo omonimo borgo medievale è una gettonata meta turistica, ma la sua costa incisa da decine di baie e insenature permette soste all’ancora in assoluto relax, senza dimenticare di assaggiare i rinomati vini bianchi isolani (Grk e Posip), una tradizione che risale all’epoca della colonizzazione greca.

Più a sud c’è Mljet (Meleda), isola solitaria e incontaminata, dichiarata in gran parte Parco Nazionale, che vanta due incantevoli laghi salati (Veliko e Malo jezero), un monastero benedettino sull’isolotto di Santa Maria e la grande baia del borgo di Polace, la migliore rada naturale dell’intero Adriatico. Le sue propaggini orientali arrivano alle Isole Elafiti piccoli gioielli sparsi lungo la costa di Dubrovnik che al largo offre l’ultima chicca: Lastovo. Un’isola particolarmente suggestiva ricoperta di vegetazione lussureggiante, vigneti, uliveti e giardini, dichiarata Parco naturale, che offre una costa sinuosa e frastagliata, baie riparate – molte attrezzate per il diporto – un paio di isolette boscose sul versante occidentale e svariati isolotti su quello orientale, Lastovniaci, piccolo paradiso ad uso perlopiù esclusivo dei diportisti.

Per maggiori info: www.croatia.hr/it-IT

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE