L’unione fa la forza, ma in alcuni casi anche la debolezza. È questo il principio portante di un banco di pesce, soluzione che la natura ha sviluppato per la conservazione delle specie e che, per chi ha la possibilità di mettere la testa sott’acqua, è uno dei più affascinanti spettacoli del mare. Che siano uno sparuto gruppo di poche unità, magari di mole imponente, o una mostruosa massa di qualche decina di migliaia di esemplari capace di avvolgerci e stravolgerci come una nuvola vivente, i banchi di pesce sono sempre uno degli spettacoli più affascinanti che il mondo sommerso possa offrirci. Il fenomeno è decisamente più incredibile nelle sue espressioni macroscopiche, quando migliaia di individui della stessa taglia si muovono all’unisono nuotando a pochi centimetri l’uno dall’altro, compattandosi o allargandosi, o prendendo forme strane e in continua trasformazione a seconda del grado di allarme.

Leggi tutto l'articolo

Abbonati



Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online