Sopra e sotto l’acqua sta prendendo il sopravvento un nuovo Mediterraneo, purtroppo assai diverso dalla sua immagine tradizionale. Un processo che può e deve essere fermato. Dalle varie stazioni spaziali che periodicamente orbitano intorno alla Terra la situazione è ben chiara: in questa straordinaria e meravigliosa palla di vita che galleggia nello spazio e che chiamiamo Terra il colore predominante è il blu, ovvero il colore del mare. E in quei tre quarti di oceano che avvolgono le terre emerse c’è una sorta di lago mancato che abbiamo chiamato non a caso Mediterraneo, che con le poche briciole di latino rimaste in memoria si può tradurre come un mare circondato dalle terre emerse, anche se poi i Romani con giustificato senso di grandezza preferivano chiamarlo Mare Nostrum. Mediterraneo

Leggi tutto l'articolo

Abbonati



Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online