Assomarinas, l’associazione italiana porti turistici aderente a Confindustria Nautica e Federturismo Confindustria, ha deciso, in attesa di possibili soluzioni al problema in corso di studio al Ministero dei Trasporti, di impugnare il Decreto Ministeriale sull’aumento del 25% dei canoni demaniali per evitare che scadano i termini per il ricorso.

“Le imprese portuali turistiche italiane sono ancora stremate dal periodo di crisi che hanno attraversato nel decennio 2010-2020 – dichiara il Presidente Roberto Perocchio – quando il fallimento di Lehman Brothers fece crollare i valori immobiliari e la tassa del Governo Monti aggravò  la crisi della nautica da diporto. In quel lungo periodo le nostre tariffe sono state drasticamente ridotte o rimaste bloccate e la maggior parte delle  imprese ha dovuto essere rifinanziata dai soci o ha dovuto affrontare complesse procedure concorsuali. Non possiamo quindi sostenere ora un improvviso aumento del 25,1 per cento dei canoni demaniali basato su di una interpretazione delle modalità di adeguamento Istat che include il dato anomalo ed eccezionale dell’incremento del prezzo delle materie prime, anziché  basarsi sul semplice dato dell’inflazione sui beni di consumo.”

Roma, 6 aprile 2023