Apparentemente banale, la sistemazione della barca all’ormeggio richiede invece una serie di attenzioni mirate sia alla sua sicurezza sia a renderne funzionale l’utilizzo. È sicuramente uno dei momenti più imbarazzanti per il diportista, con un range di tensione che può andare dalla leggera preoccupazione per i più esperti al forte imbarazzo per il principiante, con la possibilità di trasformarsi in terrore puro se al momento di entrare all’ormeggio in un marina ci si trova preda di qualche forte raffica di vento. Capita a tutti, non c’è da vergognarsi e, se serve, nessun problema a chiedere l’aiuto del gommone degli ormeggiatori o, se presente, dell’equipaggio delle barche vicine. Poi finalmente con la barca ben salda e sicura, sistemate le cime, si tira un sospiro di sollievo: tutto a posto, fine dei giochi…o no?, Beh, forse anche no, perché per essere tranquilli all’ormeggio e vivere sereni anche quando saremo a qualche centinaio di chilometri dalla nostra barca, ci sono da considerare un po’ di cose, manovre e attrezzature che possono in realtà essere utili in molte altre circostanze ma che di certo non possono essere ignorate nella considerazione generale del nostro ormeggio.

Leggi tutto l'articolo

Abbonati



Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online