Manutenzione della barca, una checklist post Covid

La cosiddetta “fase 2” della pandemia ci permette di tornare in barca dopo mesi di forzato abbandono. Più che in passato dobbiamo dedicarle amorevoli cure per rimetterla in perfette condizioni di sicurezza ed efficienza. Lo abbiamo scritto centinaia di volte rivolgendoci soprattutto ai pigri: la barca è un bene che deve essere curato costantemente o, quantomeno, ciclicamente. Perché un motoryacht o un veliero che vengano completamente dimenticati per mesi diventano immancabilmente inaffidabili e quindi pericolosi. Facile a dirsi, in tempi normali. Ma dopo i mesi di clausura ai quali la pandemia ci ha costretto, il problema ha messo tutti - o quasi - sullo stesso piano: tanto i diportisti più distratti quanto quelli più diligenti.

Pulizia meccanica

Sono in molti a chiederci se la barca – in particolare se si tratta di un cabinato – debba essere sottoposta a un qualche specifico trattamento anti-Covid. Ebbene, se esiste la certezza che i suoi ambienti non siano stati recentemente visitati da persone potenzialmente infette, la risposta è no. Tuttavia, questo non significa che essa non debba essere sottoposta a un trattamento di sanificazione, operazione che, come recita un decreto che risale a tempi non sospetti, comprende operazioni di pulizia, igienizzazione, disinfezione e/o disinfestazione e cura del microclima in termini di ventilazione, umidità eccetera. Questa operazione – che non è obbligatoria per legge ma che è comunque altamente consigliabile – deve essere preceduta da una preparazione che, in molti casi, può rivelarsi notevolmente faticosa: lo svuotamento di tutti gli ambienti. Il motivo è che qualsiasi barca tende immancabilmente a diventare un ricettacolo di oggetti inutili o dimenticati, che, frammisti alla sporcizia altrettanto in progressiva crescita, costituiscono il fardello più inutile e malsano che si possa tenere a bordo. Dunque, tutto - gavoni, ripostigli, armadi, stipetti, cassetti, librerie, portaoggetti, cambusa, sentina, sala macchine eccetera - deve essere completamente sgombrato e ciò che viene estratto deve essere messo da parte – per esempio in un box - per una successiva operazione di pulizia e scelta....

Leggi tutto l'articolo

Abbonati



Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online