Quante Crociere!

Nautica Editrice
Scritto da Nautica Editrice

Lontana ormai da tempo l’estate, è bello ripensare alle vacanze passate in barca, alle spiagge viste, alle città visitate e agli amici incontrati, spesso per caso, in qualche porto. È il momento in cui si fanno programmi per la prossima estate e per le prossime vacanze in barca.

Crociera, parola magica che significa mare, riposo, sole, ma con varie interpretazioni: c’è la crociera con una nave che parte la sera da un porto e naviga la notte; ma questa soluzione piace poco a chi ha già la barca e vuole essere indipendente. Per alcuni invece significa prendere a noleggio una barca a vela o a motore con lo skipper: si può dare una mano alle manovre e non molto di più, decidendo dove andare, sempre che non lo abbia già deciso lo skipper per motivi meteorologici: è già un avvicinarsi di più al mare.

Poi c’è il noleggio senza skipper, tipico di chi vuole navigare a vela, un simpatico modo di fare del turismo e per navigare in pace senza estranei a bordo e senza le spese di manutenzione, assicurazione e altre, per tutto l’anno. Perché no? È anche un buon sistema per navigare, e, soprattutto, per ancorare dove si vuole, anche se spesso sono preferite le soste in porto, senza doversi preoccupare se dovesse cambiare il vento o alzarsi il mare. Peccato, perché ogni sosta in porto corrisponde a una serata che si sarebbe potuta passare in una rada tranquilla, invece che in un marina affollato, qualche volta squallido e a volte rumoroso, con i vicini che passano sulla vostra barca per raggiungere la propria, soprattutto la notte mentre voi dormite e sentite passi pesanti sulla testa.

Poi c’è la crociera dei diportisti più accorti, che alternano saggiamente navigazione lungo costa a soste in rada e a volte in porto. Ma questi normalmente hanno già una barca propria alla quale hanno dedicato tempo e denaro per le manutenzioni e le cure annuali, che in vacanza vogliono far fruttare al meglio. Di solito sono velisti con famiglia, che navigano silenziosi anche con cabinati piccoli: ricordo ancora oggi, dopo vent’anni, una barca a vela francese, di cui ho ben presente il nome, ancorata in Corsica non lontana da me e lunga non più di 8 metri. A bordo due nonni, i genitori con un bambino, un cane e, appesa al boma, una gabbietta bianca con un uccellino. Erano la pace personificata, con il cane e il bambino che facevano gare di nuoto tra la barca e la spiaggia.

Non avevano neanche una ghiacciaia a bordo, non dico frigorifero, come scoprii quando portai loro un cesto di frutta fresca – noi il frigo ce l’avevamo – per ringraziarli del fatto che ci avevano svegliati di mattina presto perché la barca di un nostro amico, mal ancorata vicino a noi, stava finendo sugli scogli.
E così si era salvata solo per pochi metri. Non dimenticherò mai i loro ringraziamenti e il loro viso sereno, tipico di chi vive in pace, senza bisogno di grandi comodità. Per noi a bordo fu motivo di riflessione, che ancora non è finita.

Da questo, appare chiaro che non c’è l’obbligo di avere un frigo, aria condizionata, gruppo elettrogeno, desalinizzatore, televisione, home theatre o altro per godersi la vacanza: loro vivevano tranquilli e conoscevano quel tratto di costa scoglio per scoglio, passando il loro tempo in acqua, sulla spiaggia e a bordo. Ma quanti possono dire altrettanto? I francesi facevano parte di quella silenziosa schiera di diportisti che, come vedremo in un prossimo numero di Nautica, non pensano in grande, ma in piccolo. Non è la lunghezza della barca quella che conta, ma lo spirito con il quale si naviga.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.