Scelta del fondo e misura del fondale, tipo di ancora, condizioni meteo, tecnica. Le variabili che caratterizzano un buon ancoraggio sono molte e tutte fondamentali per una buona riuscita della manovra. La differenza che passa tra una notte in rada trascorsa in serenità e diverse ore insonni in preda all’ansia, è determinata dalla qualità dell’ancoraggio. E per qualità intendiamo quell’insieme di elementi tecnici e di valutazioni che compongono l’intera manovra: individuazione della rada in funzione delle condizioni meteomarine, scelta del punto nel quale dare fondo, esecuzione della manovra e verifica della tenuta. Ciascuno di questi punti, come vedremo, si compone a sua volta di una articolata serie di azioni. Incominciamo con la prima.

L’esplorazione visiva dell’area scelta per l’ancoraggio è di fondamentale importanza per calare l’ancora su un fondo adatto. In alcuni paesi, come la Grecia, sono numerosi i porti dove si deve dar fondo in assenza di corpi morti. In questo caso è necessario porre la massima attenzione nel non sovrapporsi alle altre linee d’ancoraggio.

Leggi tutto l'articolo

Abbonati


Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online