I turni di guardia in rada sono finiti? Chissà. Quel che è certo è che forme e materiali dei “ferri” moderni hanno subito un’evoluzione che ha rivoluzionato la filosofia degli ancoraggi. Chi sei è occupato di progettare e costruire ancore ha sempre avuto a che fare con due elementi principali: il peso e la forma. Nel caso delle ancore cosiddette permanenti, quelle utilizzate per mantenere in posizione una piattaforma o una nave faro, oppure, ad esempio, allevamenti ittici o boe di segnalazione, la forma passa in sottordine rispetto all’elemento peso che invece svolge il ruolo determinante.
ancora

C.Q.R.

Nel caso delle ancore destinate alle navi, quindi soggette ad essere salpate e calate più volte, il peso resta un elemento della linea di ancoraggio, ma la forma, e quindi la capacità di agguantare fondi penetrabili, assume il ruolo di protagonista.

Scarica Nautica Digital

Questo articolo è disponibile solo per gli abbonati.