Dal 29 maggio al 6 giugno lo storico Arsenale di Venezia ospiterà la seconda edizione del Salone Nautico di Venezia. Salvo decisioni dell’ultimo minuto causate dal Covid-19, si è messa in moto infatti la macchina organizzatrice della manifestazione nautica veneziana, che agli inizi di marzo aveva già circa 130 espositori iscritti tra cantieri e aziende del settore, con una previsione di oltre 150 barche in acqua. Come nella passata edizione, l’esposizione si svolgerà nel pieno centro di Venezia, all’Arsenale, in un bacino acqueo di 50.000 metri quadrati, con oltre 1.500 metri lineari di pontili, 10.000 metri quadrati di spazi esterni e padiglioni coperti per altrettanti metri quadrati. Organizzato da Vela Spa per conto del Comune di Venezia, con la collaborazione della Marina Militare Italiana e la partnership della Camera di Commercio Venezia Rovigo, il Salone di Venezia avrà come temi di approfondimento la “sostenibilità e impatto ambientale”, con la partecipazione di diversi cantieri italiani ed europei specializzati nella produzione di mezzi elettrici e ibridi ospitati all’interno dell’E-Village, gli “yacht a vela”, con un pontile di 96 metri bifacciale a loro completamente dedicato, e i “motor yacht”, con uno spazio nel “main yacht riviera” per imbarcazioni dai 15 ai 40 metri di lunghezza.

Leggi tutto l'articolo

Abbonati



Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online