Abbiamo provato i nuovi fuoribordo V6 4,2 litri da 225, 250 e 300 HP prodotti dalla casa giapponese come evoluzione e sviluppo dei modelli maggiori XTO. Tanta tecnologia e un elegante look. L'interesse suscitato dai comunicati era molto alto. Ora, dopo aver avuto la possibilità di provare per due giorni interi e in tutte le condizioni i nuovi fuoribordo V6 di Yamaha, possiamo davvero coglierne tutto il significato tecnologico. Ecco le novità.

Digital Electric Steering (DES)

Lo sterzo elettrico digitale (DES), ora integrato come standard nei motori V6 da 300 e 250 HP dotati di Steer by Wire e disponibile come optional per il 225, è un sistema di guida dove sono completamente assenti l’olio idraulico e il classico cavo della timoneria. Il motore brandeggia grazie a un servo comandato elettronicamente che si trova sul cilindro dello sterzo, permettendo installazioni pulite, libere appunto da tubi o cavi rigidi esterni. Cambia ovviamente anche il mozzo del timone sulla plancia, che diventa elettronico, anche se il feedback sulla ruota è molto simile a quello della classica pompa idraulica, ma con molti aspetti positivi in più. Questo sistema rende anche il motore facilmente gestibile da sistemi come il pilota automatico o il joystick, senza la necessità di installare pompe idrauliche con relativi impianti dedicati. Nessuna manutenzione, ordinaria o straordinaria, è necessaria.

Leggi tutto l'articolo Abbonati

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online