14a Monaco Classic Week

La tradizione nautica trionfa a Monaco!

  • Puritan vince il Monaco Classic Week Trophy
  • La rinascita di Ester
  • Lo spettacolo delle grandi golette
  • Il 12 piedi Dinghy, un affare italiano
  • Elena of London, Mariska, Chips, Meerblick Fun 1857, lo splendore di Cippino II

La quattordicesima edizione della Monaco Classic Week è culminata in grande stile ieri, con la cerimonia di premiazione alla quale ha partecipato il Principe Alberto II. Un evento biennale organizzato dallo Yacht Club de Monaco dal 1994, è una straordinaria celebrazione dello yachting lifestyle della miglior tradizione, che accende i riflettori su scafi scintillanti e splendide barche, sia a vela sia a motore.

Non si tratta solo di competizioni, ma di un evento che esalta l’etichetta navale organizzato dal Club in collaborazione con Rolex e Credit Suisse. Il Monaco Classic Week Trophy va allo yacht più elegante e meglio restaurato e quest’anno è andato al maestoso italiano Puritan (1930), mentre il premio di restauro La Belle Classe 2019 è stato assegnato al miracoloso cutter aurico svedese Estertornato alla luce dopo essere stato per 75 anni a 52 metri di profondità.

Più di 100 yacht classici, tra cui sette grandi golette della International Schooner Association, erano nella Marina dello Yacht Club Monaco. Circa 800 tra marinai, armatori e skipper di 26 Paesi hanno messo in scena uno spettacolo emozionante rivivendo un’epoca passata, in particolare quella dell’America e dei gloriosi anni in cui la vela e le barche a motore americane dominavano i mari per la velocità. Tutti promettono di tornare per la prossima edizione dal 15 al 19 settembre 2021.

Inno all’America

L’attenzione si è concentrata sull’America e sugli anni di gloria del secolo scorso, quando la vela americana e anche le barche a motore hanno dominato i mari grazie a grandi nomi come Nathanael Herreshoff e John Alden, per non parlare delle iconiche barche a motore di Chris Craft. Erano presenti anche yacht club ricchi di storia, come il Manhattan Yacht Club invitato a navigare su French Kiss, come omaggio al suo yacht vincitore nella Coppa America del 1987, e il Nantucket Yacht Club i cui membri erano su Comet (1946). Un ospite speciale in linea con il tema era la SS Delphine, la più grande nave a vapore ancora in navigazione, costruita dalla famiglia Dodge, la cui eleganza e autenticità sono state ammirate da tutti quello che le sono passati accanto.

Tra i nuovi arrivati alla Monaco Classic Week: Atlantic (66m), la famosa goletta del New York YachtClub che nel 1905 stabilì il record per una traversata atlantica di 12 giorni, 4 ore, 1 minuto, 19 secondi. Fu solo il 1 ° agosto 1980 che Eric Tabarly batté il record su questo percorso di 2.925 miglia.

Puritan, il grande vincitore del Monaco Classic Week Trophy

L’imponente goletta disegnata da John Alden, il Puritan (1930) è il grande vincitore della Monaco Classic Week 2019. Tenendo conto delle deliberazioni delle giurie di Elegance e di restauro della Belle Classe, succede a Viola, il design Fife del 1908 che ha vinto l’edizione 2017. La purezza delle sue linee e i volumi equilibrati, uniti alla meticolosa manutenzione di uno yacht a vela fedele all’originale, ha conquistato la giuria Elegance guidata dalla Principessa S.A.R. Beatriz de Orleans-Bourbon, e dalla S.A.R. Principessa Camilla di Borbone delle Due Sicilie, il pittore Marc Berthier, esperti e storici della nautica da diporto.

Ester vince il premio La Belle Restoration

Non sarà una sorpresa per molti sapere che la bella Ester, cutter aurico svedeseha vinto il premio la Belle Classe Restoration. È stata premiata l’attenzione data ai dettagli durante il suo restauro e la sua incredibile storia.

Fu nel 1901 che a Gunnar Hellgren fu assegnato il compito di progettare uno yacht a vela capace di vincere la Coppa Tivoli. Il risultato fu una barca innovativa ma estremamente elegante che per un decennio ha dominato i podi, riconosciuto da molti come lo yacht a vela più bello del mondo. Ester scomparve dal radar dopo il 1915 e non riapparve fino al 1935. Brillò di nuovo ad Ulvoen nel 1937, prima che scoppiasse un incendio a bordo alla fine del 1937. Gravemente danneggiata, veniva trainata a Ornskoldsvik da Normanön, quando affondò. Solo nel 2012 un altro svedese, Per Hellgren, riuscì finalmente a localizzare il relitto usando il sonar. È stata recuperata nel 2016, anno che ha segnato l’inizio di un’incredibile storia di restauro, i cui risultati sono stati ammirati da tutti.

Nel 2012 pensavo a quanto sarebbe stato emozionante portare Ester alla Monaco Classic Week. Sette anni dopo quel sogno diventa realtà”, ha detto un emozionato Bo Ericsson, uno dei proprietari della barca, “Abbiamo messo insieme il meglio dei tecnici internazionali, per scafo, telai, sartiame, vele, ecc… Naturalmente, gran parte della barca è stata ricostruita con pino svedese e abete rosso. Ma grazie ai documenti molto precisi che abbiamo trovato in Svezia, siamo stati in grado di seguire alla lettera i dettagli della costruzione originale. È stata un’avventura straordinaria. Il risultato finale ha superato anche le nostre aspettative più folli.”

Il 12 piedi Dinghy, un affare italiano

La International Dinghy Class di 12 piedi, di cui oggi la flotta conta 400 unità, ha visto una netta supremazia degli italiani. Il vincitore è Aldo Samele su Canarino Feroce, davanti al connazionale Vito Moschioni (Claudia) e Federico Pilo Pais (Blu Amnesia).

Nel gruppo delle vele auriche vintage la principale rivalità è stata tra Chips, disegnato da Burgess, (1913) e il cutter Viola (1908) disegnato da Fife, un duello vinto da Chips, con Viola in seconda posizione e Oriole in terza.

Nella flotta classica Marconi la vittoria è andata a Cippino II (design Frers), appartenente a Daniel Sieleki, Vice Commodoro allo Yacht Club Punta del Este, in Uruguay. I due scafi di Olin Stephens,

Skylarkof 1937 e Blitzen (1938), completano il trio sul podio.

Delle 18 barche della flotta classica Marconi, Meerblick Fun (1957) ha conquistato il 1 ° posto davanti a Resolute Salmon (1975) e Encounter (Frers, 1976).

La grande goletta Elena of London ha regnato suprema nello spettacolare gruppo di Big Boats, davanti al Naema (design di Mylne) e il cutter aurico Moonbeam di Fife, vincendo il Magnum Trophy.

Anche le Classi Metriche hanno dato spettacolo, con Mecara nella 6M, Mirabella nella 8M e il 15M IR Mariska vincitrici nelle rispettive classi.

Succede alla Monaco Classic Week

Franck Cammas, skipper del trimarano Ultim Gitana 17, era in sosta a Monaco.

Sononaturalmente consapevole dell’estetica delle barche. Navigare su queste barche classiche è magico, ovviamente non per la velocità ma per altre sensazioni, anche olfattive, per il loro odore molto particolare. Quando hai il gusto per il mare, la bellezza è importante. Quando siamo indecisi sulle scelte a livello tecnico, optiamo per il bello, e generalmente funziona. Una bella barca è una barca veloce! E viceversa una barca veloce diventa bella. L’estetica è oggi meno importante nello sviluppo della barca, ma non dobbiamo mai dimenticare le nostre tradizioni. Sono originario di Aix e adoro sempre tornare a sud. Monaco ha una solida tradizione di regata, con la ‘Primo Cup’ a cui ho gareggiato qualche tempo fa.”

Storia della Coppa America all’inizio del XX secolo

Noëlle Duck e William Collier avevano messo insieme una mostra originale per far luce su George Lennox Watson, lo sfortunato architetto navale scozzese che perse la Coppa America per quattro edizioni a cavallo del secolo scorso. Otto pannelli a doppia faccia lungo la banchina, di fronte alla

Clubhouse, hanno lasciato intuire gli sforzi titanici, a volte disperati, compiuti da questo grande designer di yacht per superare i suoi avversari, come il leggendario Nathanael Herreshoff e Edward Burgess. Noëlle Duck ha avuto accesso all’archivio G.L. Watson & Co per allestire una mostra fotografica rivelatrice dell’esistenza dello spionaggio industriale. È possibile vedere come ha agito Watson per fare le foto alle barche dell’avversario mentre erano ancora in cantiere e studiarne così le forma e i volumi dello scafo.

È stato un piacere per gli appassionati di yacht vedere questi scatti di 120 anni fa, molti dei quali rivelati per la prima volta.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE