PescArgentario: tanti yachtsmen in mare con canna e lenza

Un antico proverbio cinese dice “dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno, insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita” e infatti i soci e non solo del Circolo Nautico e della Vela dell’Argentario hanno iniziato in 4 a pescare competendo e continuando sempre più numerosi sono arrivati alla XVI edizione PescArgentario di quest’anno svolta con tanti partecipanti.

Lo scorso sabato 26 ottobre la gara di pesca sportiva, ormai tra le più antiche del mare dell’Argentario, organizzata dal  comitato composto dal dott. Maurizio Belloni ed al prof. Luciano Cerulli, ha visto gli equipaggi con un massimo di tre componenti pescatori, uno almeno   tesserato FIPSAS più eventuali ospiti, impegnati nella prova della durata di sei ore, avendo a bordo un massimo di 5 attrezzature pescanti (canna, mulinello e lenza) per prendere all’amo pesci rostrati, tonno rosso o gigante minimo 30 chili, ricciola, leccia minimo 5 chili., dentice, praio, orata, alalunga minimo 3chili , lampuga, palamita, alletterato, barracuda, serra minimo 2 chili, altri pesci minimo 2 chili.

Un mare e sole splendido quasi di fine agosto ha accompagnato l’evento nella fascia di mare antistante il Monte Argentario, contraddistinta dalle seguenti coordinate punto A Lat. 42°23,00°N – Long. 11°22,00° E punto B Lat. 42°18,00°N – Long. 11°10,00° E, punto C Lat. 42°25,30°N – Long. 11°04,00°. lla fine al rientro delle imbarcazioni sono state fatte  le operazioni di pesatura presso la sede del CNVA.

La sera, nell’incantevole clubhouse del Circolo Nautico e della Vela della Vela Argentario, dopo una cena sociale gestita con le migliori regole del cerimoniale dal segretario del CNVA Fabio Andreuccetti e naturalmente tutta a base  di pesce fresco, sono state premiate le prime tre squadre concorrenti presentate dal consigliere del Circolo  prof. Luciano Cerulli e hanno ritirato il primo premio Ciro Tamburelli, il secondo Francesco D’Asaro  e il terzo Alessandri Silvestrini consistenti in splendidi piatti di ceramica con simbologia in tema dalle mani dell’Assessora del Comune dell’Argentario Francesca Ballini. Ospiti dell’evento il presidente della FIPSAS di Grosseto Giampaolo Ricci e il comandante Daniele Busetto di ARTEMARE Club, nostro collaboratore. Gli sponsor sono stati Paolo Betti International e Francesco Bestiaccia negozio “Il Pescatore”. Arrivederci alla prossima edizione la XVII che sarà svolta sicuramente in una data scelta con l’attenzione per l’eptacaidecafobia, la paura del 17 abbinato al giorno venerdì, ritenuto particolarmente sfortunato in Italia e altri paesi di origine greco-latina.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE