Per alcuni team, la conferenza stampa degli skipper cade in un momento di intensa attività di preparazione del giro del mondo. Per altri, il momento in cui devono affrontare in massa le telecamere e i microfoni di tutto il mondo è già nell’agenda da diversi anni.

Ma per tutti, la presentazione odierna di tutti gli 11 skipper delle flotte IMOCA e VO65 ha rappresentato una tappa fondamentale nel percorso verso The Ocean Race, a due giorni dalla partenza di questa classica e storica regata, domenica pomeriggio.

IMOCA
L’evento celebra anche il suo 50° anniversario, il che rende ancora più significativo il fatto che la 14ª edizione includa la tappa più lunga della sua storia, 12.750 miglia da Città del Capo, in Sudafrica, a Itajaì, in Brasile. Si stima che la tappa possa durare 30 giorni e con la flotta IMOCA che si spinge in pieno Oceano Meridionale.

Ad una domanda, è stato chiaro che la sfida e l’importanza di questa tappa non sono sfuggite agli skipper degli IMOCA, che sono comunque tutti molto esperti.

“Non ho mai fatto 30 giorni (con un equipaggio a bordo) in vita mia”, ha ammesso il co-skipper di GUYOT environnement – Team Europe (FRA/GER) Benjamin Dutreux.

Gli altri sono stati altrettanto sinceri.

“Penso che la Tappa 3 sarà particolarmente difficile, perché si tratterà di capire quando rallentare e quanto spingere”, ha detto lo skipper di 11th Hour Racing Team (USA) Charlie Enright. “Potremmo ritrovarci a navigare al 70% sotto pilota automatico perché è il massimo che le barche sono in grado di gestire, è sicuramente una grande incognita. Ma dal punto di vista dello spettatore esterno il percorso appare come una corsa verso il Sudafrica, una sopravvivenza fino a Capo Horn e una corsa di risalita verso l’arrivo”.

Tuttavia, non tutti gli skipper concordano su quale sarà la tappa più difficile.

“Sicuramente la Leg 3 sarà difficile perché ci dirigiamo verso sud, ma tre dei nostri ci sono già passati navigando da soli su un IMOCA”, ha detto Paul Meilhat di Biotherm (FRA). “Per noi le tappe 1 e 2 saranno le più difficili. Non abbiamo fatto alcun allenamento di gruppo per questa regata, la prima volta che abbiamo navigato in equipaggio è stata una settimana fa, quindi scopriremo come lavorare bene in cinque sulla barca”.

La sfida di navigare con un equipaggio completo ha portato anche risposte che non ci si aspettava. Se da un lato sono evidenti i vantaggi di poter condividere il carico fisico della gestione della barca e di mantenere la giusta pressione, dall’altro chi ha esperienza di navigazione in solitario ha sottolineato l’ulteriore stress che potrebbe portare navigare in equipaggio  completo.

“Quando si naviga in solitario spesso non si è stressati perché si possono fare le cose con i propri tempi, ma come skipper si ha un’ulteriore serie di responsabilità nei confronti dell’equipaggio, quindi mi aspetto di sentirmi più stressato all’inizio”, ha detto Meilhat.

Lo skipper di Team Holcim PRB (SUI) Kevin Escoffier è d’accordo.

“È più facile quando si naviga da soli, ma con quattro persone bisogna pensare a loro”, ha detto. Per Dutreux è proprio il mix di culture e competenze a costituire il suo cruccio prima della partenza. “Abbiamo culture diverse all’interno dell’equipaggio che includono molti punti di forza e ciò che dobbiamo fare è gestire bene questo aspetto per ottenere il meglio per il gruppo”.

Per gli spettatori e per chi segue l’evento, le impressionanti prestazioni degli IMOCA sono uno dei grandi motivi di interesse di questa regata, ma le alte velocità comportano dei rischi, come ha sottolineato Escoffier. Lo sviluppo di una barca che superi il resto della flotta fa parte della competizione e significa che i team avranno sempre i loro segreti.

“Ma se si tratta di una questione di sicurezza, condivideremo le informazioni che potrebbero essere utili”, ha detto. “Non vorrei vincere una tappa sapendo che una barca si è rotta perché le informazioni non sono state condivise”.

Lo skipper di Team Malizia (GER) Boris Herrmann è d’accordo. “In questa classe c’è un buon cameratismo e spero che riusciremo a mantenerlo per tutta la regata”.

Essendo stato il primo ad annunciare la propria campagna e avendo tre anni di tempo per partire con un nuovo IMOCA progettato specificamente per le regate in equipaggio completo, 11th Hour Racing Team è considerato il favorito, ma Enright ha sottolineato che qualsiasi vantaggio deve essere visto nel contesto.

“Tre anni, rispetto alla quantità di esperienza che vedo qui con i velisti alla mia destra, sono solo un puntino sul mio radar”, ha detto.

VO65
Anche gli skipper dei VO65 erano presenti sul palco e domenica saranno i primi a partire. Anche per loro la Leg 1 di The Ocean Race VO65 Sprint li porterà da Alicante a Capo Verde. Anche loro erano concentrati sulla sfida che li attende.

“Penso che la responsabilità sia enorme, soprattutto se considero il numero di giovani velisti che compongono il team, ma è anche una bella sfida quando si gareggia contro tanti altri ottimi team”, ha detto lo skipper di Ambersail 2 (AUT) Rokas Milevičius.

Per Antonio Fontes, veterano di The Ocean Race 2017-18 e ora skipper del portoghese Mirpuri Foundation Racing Team (POR), la regata rappresenta una preziosa opportunità per ispirare la prossima generazione. “Questo progetto ha lavorato per promuovere la vela d’altura in Portogallo e questa regata permette alle nuove generazioni di farsi avanti e di sperimentare questo stile di regata per la prima volta.”

Per Gerwin Jansen, skipper di Austrian Ocean Racing Powered by Team Genova (AUT/ITA), la collaborazione con la città ospitante per l’arrivo è stata fondamentale per il loro programma.
“Come parte del loro supporto, abbiamo un gruppo di giovani velisti che si uniscono a noi nel team e questo ha funzionato molto bene.”

Per quanto riguarda la nazionalità più rappresentata nella flotta VO65, i velisti olandesi sono i più numerosi.
“Sono molto contento perché ne ho sei a bordo”, ha dichiarato lo skipper di Team JAJO (NED) Jelmer van Beek, che tra i membri dell’equipaggio olandese annovera il super esperto Bouwe Bekking, che vanta otto edizioni della regata. “Sarà un watch leader ed è fantastico avere così tanta esperienza a bordo”.

Per lo skipper di Viva México (MEX) c’è un motivo in più per voler partire:  “Cinquant’anni sono abbastanza lunghi senza una barca messicana in questa grande regata, quindi siamo davvero felici di essere qui sulla linea di partenza con i colori del Messico”.

Dopo aver vinto la In-Port Race lo scorso fine settimana, Windwhisper Racing Team (POL) di Pablo Arrarte è nel mirino della concorrenza.
“Tutti i team sono molto bravi e poter usare quella regata come allenamento è stato molto positivo, ma noi siamo arrivati abbastanza tardi e ci siamo allenati ogni giorno che potevamo, quindi speriamo che vada tutto bene”.
L’elenco degli equipaggi della prima tappa:
VO65 – scarica qui
IMOCA – scarica qui

Guarda il replay della conferenza stampa qui

La meteo

In una settimana in cui le previsioni del tempo si evolvono a seconda dei modelli, il quadro sta diventando più chiaro in vista della partenza di domenica. Al momento si prevede una brezza da sud-ovest di 8-12 nodi per la partenza dei VO65 e da nord-ovest per la flotta IMOCA.
Successivamente, quando entrambe le flotte punteranno verso lo Stretto di Gibilterra, le previsioni dicono che lunedì potranno incontrare fino a 30-35 nodi nel Mare di Alboran, garantendo un primo, importante banco di prova.

Come seguire la partenza della Leg 1 della Ocean Race: 

Partenza flotta VO65: 1400 CET / 1300 GMT – Eurosport Player / Piattaforma Discovery+

Partenza flotta IMOCA: 1600 CET / 1500 GMT – Eurosport / Eurosport Player / Piattaforma Discovery+ (verificare la programmazione locale per gli orari, in quanto Eurosport avrà un pre-show di 30 minuti alle 1530 CET in molti territori).

Si prega di notare che entrambe le partenze da Alicante saranno disponibili per la visione internazionale sulla homepage di www.theoceanrace.com e su https://www.youtube.com/Eurosport/streams   

Cartografia elettronica
Le posizioni della flotta possono essere seguite dalla partenza e per tutta la durata della regata attraverso il tracker della regata su www.theoceanrace.com