Codice della nautica da diporto aggiornato – Pesca sportiva

Roberto Neglia
Scritto da Roberto Neglia

Pesca sportiva

Il Ministero delle Politiche Agricole, con decreto 6 dicembre 2010, ha stabilito che “chiunque effettua la pesca a scopo sportivo o ricreativo deve comunicare l’esercizio dell’attività alla Direzione Generale della Pesca marittima e dell’Agricoltura. La comunicazione, ha validità triennale, può essere effettuata direttamente, tramite le associazioni di settore, o tramite l’autorità marittima locale. La mancata comunicazione comporta pesanti sanzioni amministrative. Sono esclusi i pescatori sportivi che esercitano l’attività di pesca da terra.

Nel corso dell’anno potrebbero essere emanate nuove regole.

Attrezzi

Sono ammessi: a) coppo; b) bilancia (di lato non superiore a m 6); c) giacchio o rezzaglio o sparviero di perimetro non superiore a 16 m; d) lenze fisse quali canne (massimo 5 per ogni pescatore) a non più di 3 ami, lenze morte, bolentini, correntine a non più di 6 ami, lenze per cefalopodi; e) lenze a traino di superficie e di fondo, filaccioni; f) nattelli per la pesca in superficie, fucile subacqueo, fiocina a mano, canna per cefalopodi; g) parangali fissi o derivanti (coffe) per un massimo di 200 ami calati da ciascuna unità da diporto, qualunque sia il numero delle persone a bordo; h) nasse, massimo due, calate da ciascuna unità da diporto, qualunque sia il numero delle persone a bordo; i) rastrelli da usarsi a piedi.

Norme

  • la pesca con fonti luminose è vietata, ma per la pesca con la fiocina è consentito l’uso di una lampada;
  • il pescatore sportivo può pescare pesci e molluschi (cefalopodi, seppie, polpi e calamari) e crostacei in quantità massima di 5 kg giornalieri, salvo il caso di pesce singolo di peso superiore; la vendita dei prodotti ittici pescati è vietata;
  • non può essere catturata giornalmente più di una cernia;
  • la pesca della “lumachina di mare” è consentita purché non sia utilizzato l’attrezzo denominato “rapido” e “sfogliara”;
  • la pesca del riccio di mare è consentita in apnea, solo manualmente, fino a 50 esemplari al giorno, a parte nei mesi di maggio e giugno;
  • la pesca dell’aragosta (e dell’astice) è vietata nel periodo dal 1° gennaio al 30 aprile.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE