Apparati VHF a bordo, fissi e palamari, certificato e licenza RTF

Informazioni sul VHF a bordo, fisso e palmare, certificato limitato di radiotelefonista, licenza RTF e abbonamenti con le concessionarie tratte dalla Guida del Diportista, con i documenti, le dotazioni di sicurezza, lo scadenzario, leggi, decreti e tutto quanto serve sapere per navigare tranquilli nei mari italiani

Aggiornamento: Aprile 2014

Il codice della nautica da diporto, riprendendo quanto gi&agrave stabilito dal legislatore con la legge n. 172 del 2003 di riforma della nautica, ha fatto chiarezza in ordine alle modalit&agrave per l’installazione e l’uso degli apparati Vhf a bordo delle imbarcazioni, senza pi&ugrave distinzione tra apparati fissi e portatili, delle navi e anche (ecco la novit&agrave) per i natanti da diporto. In particolare &egrave stata definitiva la procedura per il rilascio della licenza di esercizio Rtf (provvisoria e definitiva), l’uso degli apparati per la corrispondenza pubblica con affidamento della gestione alle concessionarie (I.T.S. – Servizi Marittimi e Satellitari, Telemar e Arimar) o per i soli casi di emergenza e soccorso, con assunzione della responsabilit&agrave del funzionamento degli apparati. Sono state stabilite le modalit&agrave per il passaggio dall’una all’altra forma di impiego con la precisazione che la licenza &egrave valida, indipendentemente dall’uso e la medesima va cambiata soltanto nel caso di sostituzione dell’apparato (o nel caso di installazione di uno aggiuntivo) e infine che tutti gli apparati ricetrasmittenti installati a bordo delle unit&agrave da diporto, muniti della dichiarazione di conformit&agrave alla normativa vigente, non sono soggetti n&egrave a collaudo n&egrave a ispezione. Ma anche qui non mancano le sorprese perch&egrave, contrariamente a quanto stabilito dalla legge, il codice della nautica prevede, invece, che gli apparati quando utilizzati per corrispondenza pubblica sono soggetti a collaudo. L’arma della burocrazia &egrave sempre pi&ugrave forte della legge.Ai possessori di natanti che intendono installare un apparato Vhf a bordo (fisso o portatile) la licenza di esercizio &egrave rilasciata direttamente dall’Ispettorato Regionale delle Comunicazioni, del luogo di residenza del richiedente. Il medesimo Ispettorato provvede anche ad assegnare un nominativo di chiamata valido indipendentemente dal natante in cui l’apparato viene installato. In sintesi &egrave stata istituita una licenza Rtf personalizzata che, contrariamente alle imbarcazioni, non ha alcun collegamento con l’unit&agrave e pu&ograve quindi essere installato su qualsiasi natante. Anche gli apparati di queste unit&agrave possono essere utilizzati per la corrispondenza pubblica ovvero soltanto per i casi di emergenza e soccorso.

Per ottenere la licenza Rtf per le navi e le imbarcazioni da diporto, la domanda, corredata dalla dichiarazione di conformit&agrave va intestata all’Ispettorato Regionale delle Comunicazioni competente per territorio e presentata tramite l’Ufficio di iscrizione dell’unità che provvede all’assegnazione del nominativo internazionale, al rilascio della licenza Rtf provvisoria e a trasmettere la documentazione all’Ispettorato stesso, ai fini del rilascio della licenza definitiva. La licenza provvisoria non ha un limite temporale ma è valida fino alla consegna di quella definitiva. La licenza (con le caratteristiche tecniche del Vhf) è riferita all’apparato installato a bordo sia che venga impiegato per il traffico di corrispondenza sia ai soli fini della sicurezza della navigazione.

Nel caso di smarrimento o distruzione, il duplicato della licenza Rtf va richiesto all’Ispettorato Regionale che ha rilasciato il documento originale.

Per l’uso dell’apparato, deve essere sempre presente a bordo una persona munita del certificato RTF. Il documento si consegue senza esame presentando la domanda (in bollo) al competente Ispettorato Regionale delle Comunicazioni, redatta su modulo pre-determinato, allegando due fotografie, di cui una autenticata, l’attestazione di pagamento di Euro 0,52 e una marca da bollo.

Note: Il telefonino a bordo non ` vietato, ma non sostituisce l’apparato Vhf quando obbligatorio.

Uso dell’apparato VHF ai soli fini della sicurezza della navigazione

Chi vuole disdire il contratto di utenza della sua imbarcazione o natante con la società concessionaria per utilizzare l’apparato a soli fini di sicurezza, può farlo, però rispettando i tempi previsti dal contratto stesso. Essendo la durata annuale, la disdetta deve essere effettuata entro il 30 ottobre di ciascun anno, con raccomandata A/R. Ciò fatto, è necessario presentare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio al competente Ispettorato Territoriale Regionale che attesti che non si intende più effettuare traffico radiotelefonico di corrispondenza pubblica, ma l’uso del VHF è limitato ai soli fini della sicurezza. In tal caso, conservano la loro validità tutte le certificazioni a suo tempo rilasciate dalla concessionaria per conto del Ministero delle Comunicazioni, compreso il nominativo internazionale assegnato dalle Capitanerie di porto.

Contratti d’utenza

Per i proprietari di imbarcazioni che intendono iniziare o hanno scelto di continuare nell’utenza con le concessionarie nulla è cambiato e per opportuna conoscenza riportiamo le tariffe dell’I.T.S Servizi Marittimi Satellitari (ex Telecom), Telemar e Arimar relative all’anno 2013.

A) I.T.S. Servizi Marittimi e Satellitari (Ex Telecom) – (riferite al 2012):

 

  • VHF: Euro 107,42
  • Spese Impianto VHF = Euro 97,61
  • SSB: Euro 175,60
  • Spese per impianto SSBOMC: Euro 781,92
  • Telex: Euro 256,68
  • Satcom Monocanale: Euro 337,25
  • Standard C: Euro 112,59
  • Standard M e Mini M: Euro 169,91
  • ClimatAutolink: Euro 87,28
  • Integrazione forfetaria: Euro 69,21

Nota: È prevista la franchigia traffico (escluso il satellitare) di Euro 55,78 utilizzabile nell’arco dell’anno.

B) Telemar

  • VHF: Euro 107,00
  • Spese Impianto VHF: Euro 97,00
  • SSB: Euro 175,00
  • Spese per impianto SSBOMC: Euro 780,00
  • Satcom B/F: Euro 337,00
  • Standard C: Euro 112,00
  • ClimatAutolink: gratuito
  • Integrazione forfetaria: Euro 60,00
  • Franchigia traffico: abolita (il relativo importo è stato dedotto dal canone)

Nota: Per la riparazione degli apparati con licenza la Telemar fornisce manodopera gratuita nei propri laboratori

Canoni ARIMAR

  • VHF: Euro 105,00
  • MFHf SSB: Euro 170,00
  • Cod.|Dec-DSC: Euro 100,00
  • RX Watch: Euro 150,00
  • Remote Station: Euro 60,00
  • INMARSAT B FLEETFLEET BROADBRAND: Euro 330,00
  • INMARSAT M Mini-M: Euro 165,00
  • INMARSAT C |mini-M: Euro 110,00
  • VHF Portatile: Euro 105,00
  • SART: Euro 100,00
  • EPIRB Satellitare: Euro 100,00
  • AIS: Euro 200,00
  • NAVTEX: Euro 120,00
  • IRIDIUM SYSTEM: Euro 330,00
  • ESV VSAT: Euro 330,00

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.