L'idea: un racer a vela attento all'ambiente

Il progetto nasce con la duplice finalità di disegnare una barca a vela di 34 piedi ad alte prestazioni, un fast cruiser/racer, che sia anche un po’ più sostenibile dal punto di vista ambientale. Progettista: Emilio D’Onofrio Università/Scuola di Specializzazione: Università di Genova Corso di Laurea/Master: Laurea magistrale in Yacht Design Anno conseguimento titolo di studio: 2019 Uno dei pregi di questo progetto è quello di rimanere con i piedi per terra, ben aderente alla realtà dei fatti e allo stato dell’arte della tecnologia delle barche e a quella ambientale che, ad oggi, permette di costruire barche un po’ meno inquinanti rispetto al passato; non certo barche green che non inquinano come troppo spesso leggiamo su tanti articoli e pubblicità. D’altronde una barca è un oggetto industriale e come tale crea problemi all’ambiente in fase di costruzione (consumo di materie prime ed emissioni per la loro trasformazione), durante l’utilizzo e a fine vita, quando si tratta di smaltire e trasformare (in parte) il rifiuto speciale barca. Ecco dunque il neo ingegnere Emilio D’Onofrio calarsi pienamente nello spirito del Nauticontest per studiare ed elaborare un progetto dove, sfruttando al massimo le tecnologie e le conoscenze attuali, minimizza l’impatto ambientale di una barca ad alte prestazioni in tutto il suo ciclo di vita, con il nobile intento di sensibilizzare cantieri e imprenditori su progetti realizzabili, nei quali si possa coniugare la duplice esigenza di molti armatori di oggi che vogliono una barca da regata che sia anche “green”, per quanto oggi possibile. Kastor 34 è infatti stata progettata per dare il massimo sui campi di regata, con un attento studio delle forme di carena e delle appendici, una meticolosa distribuzione dei pesi di bordo, una ottimizzazione del piano velico. Senza però dimenticare l’utilizzo crocieristico: quindi vivibilità sottocoperta, ergonomia del pozzetto e distribuzione delle manovre, design luminoso ed essenziale.

Leggi tutto l'articolo

Abbonati



Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online