Progettista - Lorenzo Lippi

Università/Scuola di Specializzazione - Università di Genova Corso di Laurea/Master - Laurea magistrale in Design Navale e Nautico Anno conseguimento titolo di studio - 2020

Introduzione

“Credo che un giorno l’acqua sarà usata come combustibile, che l’idrogeno e l’ossigeno che la costituiscono, usati da soli o simultaneamente, forniranno una fonte di calore e di luce inesauribile e di un’intensità che il carbone non può avere.” Mai come oggi, queste parole, scritte nel 1874 da Jules Verne per il suo romanzo “L’Isola Misteriosa”, ritrovano vigore, risultando puntuali ed estremamente attuali. Basti pensare all’industria dell’automobile che, in questi ultimi tempi, sta investendo come non mai nell’auto a idrogeno. Inoltre, oggi, con lo sviluppo e la diffusione di fonti di energia rinnovabile (solare, eolico ecc.) l’idrogeno rappresenta un sistema green di stoccaggio dell’energia prodotta. E oggi si stanno studiando e sviluppando nuovi sistemi, economici e sicuri, per il suo stoccaggio. Sistemi che superano il metodo classico, dispendioso e pericoloso, ad alte pressioni e/o a basse temperature. Tutto questo impone una riflessione anche nel campo della nautica da diporto dove, nonostante ogni giorno venga annunciata una nuova barca “green”, le reali esperienze per yacht totalmente sostenibili sono davvero poche e, spesso, ancora in veste decisamente sperimentale.

Leggi tutto l'articolo

Abbonati



Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online