Un blu-water fast cruiser che per la prima volta colloca Nautor nella misura dei 58 piedi. Tanto spazio in coperta e negli interni, buone performance a vela e una nuova visione del concetto di easy sailing che va ben oltre la facilità di manovra. C’è chi dice che la qualità sugli Swan risieda, almeno in parte, nelle cose che non si vedono. Un concetto che molto facilmente possiamo riferire ai materiali e ai processi di costruzione. Le lande, ad esempio, non si vedono, ma sono tutte in carbonio, così come le paratie strutturali, realizzate in composito, e ancora il sistema di circolazione di aria naturale che percorre tutta la barca all’interno dei mobili, celato da pannelli in tessuto. https://www.youtube.com/watch?v=v4ijfLHBoLU Video originale del cantiere Elementi nascosti, è vero, ma ben tangibili se si va alla loro ricerca, così come è fatta di materia che si tocca la qualità delle attrezzature, anche quelle che non si vedono, come ad esempio il “captive winch” che governa la regolazione della randa. Swan 58 Realmente invisibile è, invece, la qualità del processo attraverso il quale German Frers e il team di Nautor sono giunti alla realizzazione dello Swan 58. Un percorso fatto di risposte minuziose date a domande precise: perché questa barca? A chi si rivolge? Quante se ne devono costruire?...

Leggi tutto l'articolo Abbonati

Acquista solo la prova di navigazione

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online