Compromesso inteso come punto di equilibrio. Nel caso dell’Y7 è quello raggiunto fra grandi volumi, comfort e ottime prestazioni in mare. La vela è molto divertente. Ma questo è possibile solo con una barca semplice, ridotta all’essenziale, senza dover sacrificare il comfort. Uno yacht progettato da noi deve navigare a una buona velocità anche con vento leggero senza dover avviare il motore”. Parola di Michael Schmidt, fondatore di YYachts. Parola, anzi, parole, che sono andate a costituire l’ossatura delle barche che il cantiere tedesco ha cominciato a costruire nel 2014, mettendo in acqua il primo Y8. YYachts-Y7 E se l’ammiraglia del cantiere, l’Y9, ha fatto il suo esordio in anteprima mondiale nei saloni autunnali 2022, è con l’Y7 che, nel 2019, inizia la collaborazione con Bill Tripp, al quale Schimdt chiede di realizzare un’architettura navale capace di tradurre in fatti l’ideale compromesso tra comfort e prestazioni. Siamo saliti a bordo dell’Y7 a Cala de Medici con la curiosità del primo incontro con una barca che di certo non lascia indifferenti: 21 metri di una coperta estremamente pulita, una tuga bassa ma molto definita, un pozzetto in cui la zona dedicata agli ospiti riesce ad apparire molto...

Scarica Nautica Digital

Acquista solo la prova di navigazione

[gravityform id=6 title=true description=false ajax=true]
Questo articolo è disponibile solo per gli abbonati.