Ampiamente rinnovato ai suoi vertici, lo storico cantiere napoletano ha da poco varato il suo nuovo Seawalker. Carena ad alta efficienza, baricentro basso e piedi poppieri per esaltarne il carattere sportivo e contenere i consumi. Grandissimo fermento in casa Fiart dove, a fianco dell’amministratore delegato Giancarlo di Luggo, troviamo un top management profondamente rinnovato: Annalaura di Luggo, anch’essa figlia dell’indimenticato fondatore Ruggiero, presidente; Simone Lorenzano (ex Perini e Ferretti Group) direttore generale (in sostituzione di Ernesto De Bartolomeis, uscito in punta di piedi dall’azienda di famiglia); Giulio Bertani direttore commerciale e Marco Vertecchi nel ruolo di managing director (in pratica il mental coach motivatore di tutto il gruppo dirigente). Fiart 39 Seawalker Responsabile della progettazione è ancora Massimo Simeone, al quale è delegato anche il compito di gestire le relazioni con consulenti esterni. Tra questi si è da poco inserito Stefano Pastrovich, architetto di chiara fama che ha confidato di aver accettato la collaborazione con...

Leggi tutto l'articolo Abbonati

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online