Se quel che si cerca in uno yacht è la comodità unita all’ergonomia, l’eleganza unita alla praticità, non si può fare a meno di considerare l’ultima creazione di Absolute come un mirabile esempio. Un’idea geniale, quella di coniare lo slogan “Absolute Prisma” per l’ultima creatura del cantiere piacentino. Perché nulla meglio di un prisma esprime in splendida sintesi quei concetti di luce, di proiezione e di spazio che, già espressi attraverso i precedenti modelli della gamma, trovano nel 60 Fly la loro massima espressione. https://www.youtube.com/watch?v=MM5525A4bsQ Video originale del cantiere Dunque, una barca vistosamente innovativa che pure, in modo più discreto, nasconde al suo interno una grande quantità di soluzioni che dimostrano l’instancabilità dell’ufficio tecnico Absolute. Tanto è vero che, a voler trovare un’altra parola capace di riassumere il senso di uno yacht che è l’ultimo anello di una lunga catena progettuale incominciata nel 2002, viene in mente subito “ergonomia”. Sì perché, fin dal primo passo mosso a bordo del 60 Fly, ci si rende conto che...

Leggi tutto l'articolo Abbonati

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online