Un runabout che permette a un bravo pilota di apprezzare le caratteristiche di una carena concettualmente nata sui campi di gara e che, a oltre 50 nodi, dimostra di avere ancora ampi margini prestazionali. “Mostes, cantiere dal 1913”: questo, il biglietto da visita di un’azienda che nei decenni passati, quando la motonautica italiana aveva un notevole calendario di gare in giro per l’Italia, laghi compresi, era sinonimo di qualità e prestazioni, con quelle piccole barche di 6 metri capaci di superare le 80 miglia orarie. Ecco perché, di fronte a questo nuovo M34, le nostre aspettative sono parecchio alte. https://www.youtube.com/watch?v=I76sy6pjLmU Video originale del cantiere Lo scafo si mostra subito disegnato con cura certosina, ricco di tanti particolari attraenti che di certo non ne facilitano la costruzione e che, proprio per questo, sono un evidente omaggio a un piacere estetico che trova piena conferma nelle sapienti rifiniture. Inequivocabile, quindi, un target di alto livello, sebbene ciò non nasconda...

Leggi tutto l'articolo Abbonati

Acquista solo la prova di navigazione

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online