Un open o un superyacht in meno di 20 metri? Franchini stupisce con una barca innovativa che reinterpreta con spiccata personalità il classico design nautico andando oltre le mode del momento. Quella di Franchini è una tipica storia del “made in Italy” nel mondo. Partita nel ‘46 per iniziativa del mastro d’ascia di Riccione, Michele «Guido» Franchini, costruttore di pescherecci e “cutter da spiaggia” turistici. Il sodalizio con Norberto Ferretti, che pone le basi di uno dei maggiori gruppi della nautica mondiale. Quindi, con l’arrivo del figlio Massimo, architetto navale, la trasformazione in un cantiere moderno, che realizza oltre trecento vele d’altura. https://www.youtube.com/watch?v=VkpkaiL_uDg Viadeo originale del cantiere La collaborazione con Doug Peterson – designer vincitore di tre America’s Cup – ne consolida la fama. Primo in Europa ad...

Leggi tutto l'articolo Abbonati

Acquista solo la prova di navigazione

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online