Adagiata nel Golfo del Quarnero, la frastagliata isola di Cres è un eden incontaminato con impervi promontori e baie remote contornate da spiagge di candidi ciottoli, foreste primordiali dove volano i grifoni e poco più di una manciata di centri abitati tra antichi borghi marinari e villaggi arroccati sul cucuzzolo di ripide colline. Seconda per estensione nell’Adriatico, l’isola di Cres (Cherso) si allunga per 35 miglia nella parte settentrionale del Golfo del Quarnero. Un famigerato braccio di mare da non prendere sotto gamba, noto nel passato col nome di Carner “per la gran furia che quivi fanno le furiose onde et per quelle sovente ne rimangono sommersi gli uomini, et ne fa (siccome si dice) carne”, scriveva nel 1500 Leandro Alberti nella “Descrizione di tutta Italia”.
Croazia

Il paesino di Beli che guarda dall’alto la sua baia azzurra con porticciolo.

Leggi tutto l'articolo Abbonati

Per leggere l'articolo acquista un abbonamento a Nautica Online