L’ancora galleggiante

L’ancora galleggiante è un accessorio utilissimo creato per rallentare la barca o per stabilizzarne il rollio in deriva

L’ancora galleggiante è, come molti sanno, un accessorio creato per rallentare la barca, o per stabilizzarne il rollio in deriva. Il suo utilizzo però non è ancora chiaro per molti, anzi ci sono ancora equipaggi che non hanno tale accessorio tra le dotazioni di bordo.

Lo scopo principale dell’ancora galleggiante nella pesca in drifting, è quello di rallentare la barca quando la corrente o il vento gli imprimono una velocità tale da non permettere un’azione di pesca ottimale. In tanti casi infatti la velocità della barca in deriva è tale da sollevare troppo le esche piombate, da non garantire le esche sull’amo e da allontanare troppo velocemente la scia di pastura. In questi casi l’ancora, rallentando la barca, ripristina una corretta azione di pesca in drifting.

Ma la sua vera utilità si può apprezzare per modificare la posizione di una barca in deriva, in molti casi limitando l’azione del vento e facendo predominare quella della corrente in modo da allineare la scia della pastura con le esche in pesca. Un’altra situazione in cui l’ancora galleggiante si rivela indispensabile è quando la barca non si dispone correttamente in drifting. Molte barche non si posizionano con la murata perpendicolare alla risultate del vento e della corrente, bensì assumono una posizione di tre quarti, ovvero espongono il giardinetto.

L’ideale sarebbe avere la barca di poppa rispetto al senso del moto ondoso o alla corrente. In questo modo si ha una diminuzione del rollio della barca, la possibilità di usare tutti i portacanne così che i fili trovano la giusta direzione di uscita dalle canne, e la possibilità di reazione immediata dell’imbarcazione nel caso che il pesce parta in direzione della prua. Per raggiungere questo scopo è facile supporre di dover utilizzare ancore galleggianti. Per imbarcazioni cabinate lo scopo si ottiene mettendo in acqua due ancore galleggianti molto ampie sui due angoli della poppa. La barca, in questa posizione, rende la pesca molto agevole anche con 4 o 5 canne, con l’ausilio dei portacanne inseriti sulla sedia da combattimento fissata al centro del pozzetto.

Anche nel bolentino di alta profondità, questo accessorio è risolutivo ai fini di stabilizzare e rallentare l’imbarcazione in pesca. In questa tecnica il calcolo dello scarroccio dal momento in cui vengono calate le esche, a quando raggiungono il fondo, è basilare. Il successo di una calata è infatti condizionato dall’arrivo delle esche sui pesci, individuati con l’ecoscandaglio. Molti bravi skipper riescono a tenere la barca sul punto con i motori, ma per chi è alle prime armi è preferibile rallentare lo scarroccio con una o due ancore galleggianti, calate in modo da far assumere alla barca una posizione comoda per l’azione di pesca. In genere, per ottimizzare la posizione della barca nel bolentino, le ancore vanno calate a poppa, in modo che le lenze si stendano fuori, dietro la barca.

TABELLA DELLE ANCORE GALLEGGIANTI

Lunghezza
barca
Diametro
bocca
Lunghezza
ancora”
fino a 5 metri 50 100
fino a 7 metri 80 120
fino a 9 metri 90 140
fino a 12 metri 130 200
oltre 12 metri 160 220

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.