Le attrezzature: affondatori di lenza

Per praticare la pesca sportiva dalla barca occorrono determinate attrezzature: canne, mulinelli, fili, esche, ami, raffi, coppi, ecc.

L’argomento affondatori è importantissimoper molti tipi di traina costiera.Per portare le esche verso il fondo potremo avvalerci di diverse soluzioni.

  1. il piombo o i piombi amovibili fusiformi e a spirale;
  2. il fatoom master a funzionamento manuale o meccanico; si tratta di un apparecchio destinato a calare pesanti corpi metallici sferiformi (da 3 a 7 kg) ai quali va agganciata una certa quantità di lenza che, all’abboccata del pesce, si libera e consente di effettuare il recupero senza pesi interposti;
  3. i fili autoaffondanti quali il dacron con anima piombata, che scende poco, e il monel che scende assai di più;
  4. gli stim,, che sono apparecchi che scendono in basso per la loro forma (effetto idrodinamico); gli stim viaggiano ad altezza costante correlata alla velocità della barca, fanno flettere le canne per la forte trazione esercitata e non raggiungono profondità elevate;
  5. il piombo guardiano (di forma piramidale o conica e di peso variabile dai 4 agli 8 etti) che è applicato, mediante un sottile spezzone di filo lungo un paio di metri, sulla lenza madre ad almeno 20-30 metri dall’esca.

Gli affondatori sub a), sub c) e sub d) sono consigliabili per le esche artificiali; mentre tutti, esclusi quelli sub d), sono utilizzabili con le esche naturali.Ammennicoli vari
Per completare l’attrezzatura da pesca di bordo serviranno, oltre alle esche – di cui ci occuperemo in seguito – alcune altre cosette e cioè:

  • manicotti metallici di diverso calibro per bloccare i nodi su fili metallici e, se di grande spessore, anche di nylon;
  • pinze adatte a comprimere, schiacciandoli, i manicotti;
  • forbici, coltello, aghi, filo (meglio quello interdentale) per “operazioni chirurgiche” necessarie alla preparazione delle esche naturali morte; ci sarebbe il deboner (nei nostri mari lo si usa poco o niente) che è un attrezzo studiato per asportare la spina dorsale di alcune di dette esche senza sventrarle;
  • filo in treccia metallica con guaina termosaldante ottimo per il montaggio di esche naturali vive o morte;
  • mazzuolo, in legno pesante o in metallo, destinato ad uccidere rapidamente le prede imbarcate evitando la loro lenta agonia.

Canna e mulinello sono i due attrezzi senza i quali non è possibile pescare. Ma ciò non significa che qualsiasi canna o mulinello siano buoni per ogni genere di pesca. Imparare a distinguere in materia di potenza, di tipologia, di rapporti fra i due strumenti, di adattamento alla tecnica prescelta, di dimensione delle prede, risulta di vitale importanza.

sull'autore

Nautica Editrice

Nautica Editrice

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE
Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Potrai essere aggiornato su tutte le novità sul modo della Nautica.

Grazie la tua iscrizione è andata a buon fine.